Elezioni 2012

Butti: «Rimetto il mandato, paghiamo il clima nazionale»


Nel Pdl – Clima teso all’interno del partito
Stessa mossa anche del vice Tambini. Rinaldin attacca: «Loro i colpevoli»
Il coordinatore provinciale del Pdl e senatore, Alessio Butti, ha rimesso il mandato nelle mani del coordinatore nazionale del partito, Angelino Alfano. E la stessa cosa ha fatto il suo vice, Patrizio Tambini. È questa la prima conseguenza politica diretta dell’esito delle elezioni che ha visto il Pdl – con l’eccezione della vittoria di Erba – perdere consensi e sindaci.
«Io e il vice rimettiamo il nostro mandato – ha detto Butti – ma attendiamo qualche segnale anche dai coordinatori regionali
che hanno avallato molte scelte e aspetto pure qualche “fremito” da parte di nostri dirigenti in gonnella». Prima di analizzare i dati locali, in particolar modo la sconfitta di Como, Butti ha rimarcato che «la questione nazionale è importante e ha inciso moltissimo». «Noi – ha proseguito il senatore lariano – paghiamo lo scotto delle promesse fatte e non mantenuto con l’ultimo governo, paghiamo sicuramente il sostegno esterno al governo Monti che forse il popolo, da Nord a Sud vuole bocciare, e una comunicazione che ha sempre evidenziato le cose negative offuscando quelle positive. Tanto è vero che il Pdl ha perso migliaia e migliaia di elettori in tutta Italia, non soltanto a Como».
Da qui, il discorso è virato sui temi locali.
«A parte Erba, dove il Pdl è sempre stato compatto e con Marcella Tili abbiamo vinto benissimo – ha affermato il coordinatore provinciale del Pdl – non possiamo che riconoscere le altre sconfitte, partendo dalla città di Como. Ora ci mettiamo a disposizione della città e i toni della campagna elettorali vanno dimenticati. L’astensionismo altissimo, comunque, dà un segnale forte, ci ha penalizzato, ma in qualche modo fa uscire delegittimata tutta l’amministrazione di Como».
Una stoccata è andata anche all’ex assessore della giunta Bruni, Sergio Gaddi, fondatore di “Forza Cambia Como”. «È stato mal consigliato – ha detto Butti – e ha pensato di fare la sua lista. Sul fatto che raggruppi i liberali comincio ad avere qualche dubbio: non posso pensare che siano soltanto l’8%».
Decisamente diversa l’interpretazione del risultato elettorale conseguito dal Pdl a Como da parte del consigliere regionale Gianluca Rinaldin. «Il patto che il coordinatore provinciale ha stretto con il sindaco Stefano Bruni ha impedito di mandare a casa il sindaco prima del tempo, come invece doveva accadere – ha attaccato Rinaldin – Mario Lucini, con una proposta politica molto più di centro che di sinistra è riuscito a intercettare il voto moderato. Abbiamo perso un’intera area elettorale che invece il Partito Democratico è riuscito a intercettare. Al contrario – ha insistito Rinaldin – Butti e Tambini hanno gestito il partito e la campagna elettorale nel peggiore dei modi possibili».
Impietoso il giudizio finale da parte del consigliere regionale pidiellino: «La sconfitta non può essere archiviata soltanto con l’argomento dei problemi a livello nazionale. A Como abbiamo assistito a una catastrofe, come dimostra il fatto che i nostri vertici hanno fatto scappare dal partito Anna Veronelli, tra le candidate più votate, e un assessore di valore come Sergio Gaddi. E non si dica che questo non ha inciso».

Emanuele Caso

Nella foto:
Da destra: il coordinatore provinciale del Pdl, Alessio Butti, e il vice Patrizio Tambini
22 Mag 2012

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dic: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto