Caccia al pass per Tokio. Canottieri comaschi in prima fila

La gioia di Mondelli e dei compagni di barca sul podio di Plovdiv

Anche se il 2018 non è ancora terminato, la Nazionale italiana, con i suoi atleti d’eccellenza, già si prepara alla prossima stagione. Un anno di grande importanza per il canottaggio, visto che precede il 2020, in cui ci saranno le Olimpiadi di Tokio; di fatto ci saranno in palio i pass per i Giochi nel Paese del Sol Levante.
Il lavoro del gruppo azzurro riparte da Sabaudia. Dal 12 al 25 novembre, infatti, il direttore tecnico Francesco Cattaneo ha convocato 54 tra atlete e atleti (39 Senior, 15 Pesi leggeri) che fanno parte del gruppo olimpico. Ovviamente non mancano i portacolori del remo comasco, sia a livello di staff tecnico, sia sul fronte dei canottieri. Cattaneo sarà infatti supportato da Stefano Fraquelli (capo allenatore settore olimpico femminile). Per quanto riguarda i lariani che saranno in acqua a Sabaudia l’elenco comprende Aisha Rocek (Carabinieri-Lario), Filippo Mondelli (Fiamme Gialle-Moltrasio), Giorgia Pelacchi (Lario), Elisa Mondelli (Moltrasio), Pietro Ruta (Fiamme Oro), Gabriel Soares (Marina Militare). Al loro fianco meritano una citazione Sara Bertolasi – che gareggia per Milano, ma è consigliere della Lario – e Andrea Panizza, ex Lario, ora alle Fiamme Gialle-Moto Guzzi.
Chiamate che arrivano dopo un 2018 che per i colori comaschi è stato fenomenale. Tra gli atleti sopra citati, Mondelli ha infatti vinto un oro iridato, Ruta un argento.
E alle loro spalle ci sono già ragazzi che aspirano a entrare presto nel gruppo olimpico come hanno dimostrato a suon di risultati Nicolas Castelnovo (vincitore agli Europei e alle Olimpiadi giovanili di Buenos Aires) e gli ori iridati giovanili Arianna Noseda, Lorenzo Fontana, Nadine Agyemang-Heard e Giulia Clerici.
E sul fronte remiero le buone notizie arrivano anche dal Centro di Eupilio, devastato una settimana fa da vento e temporali che hanno colpito tutta la provincia di Como.
Sono stati infatti rimesse in pista una buona parte delle strutture e ripescati i catamarani dal fondo del lago, anche se purtroppo cinque sono praticamente distrutti. I pontili, invece, sono stati ancorati e messi in sicurezza. Già ordinate le parti da sostituire.
Il primo appuntamento è con la gara di Gran Fondo nazionale, fissata sul Lago di Pusiano per il prossimo 18 novembre.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.