Caccia all’uomo in Svizzera, rapinatori in fuga verso l’Italia

Polizia Cantonale

Controlli ai valichi di Ronago e Bizzarone dopo una rapina messa a segno oggi nella tarda mattinata in Canton Ticino, a Ligornetto, nel Mendrisiotto. L’auto dei malviventi, secondo quanto riferito dalla Polizia cantonale elvetica, aveva la targa italiana ed è fuggita verso la frontiera. Il colpo è stato messo a segno  a Ligornetto, alla stazione di servizio Piccadilly Eni di Via Cantinetta. Secondo quanto si legge in una nota delle forze dell’ordine ticinesi, «un uomo impugnando un arma da taglio è entrato nel distributore e si è fatto consegnare l’incasso». Il rapinatore è poi fuggito con un’auto Fiat di colore grigio con targhe italiane, «verso il vicino valico», come riferito dalla Polizia cantonale.
A bordo della macchina, ad attendere il rapinatore c’era un complice alla guida della macchina. Le autorità elvetiche hanno subito avviato le ricerche, con controlli verso la frontiera, ma al momento non hanno dato esito. La Polizia cantonale ha diffuso l’identikit dei malviventi, entrambi di corporatura magra e con un cappellino da baseball in testa. L’altezza del rapinatore che ha messo a segno il colpo è di circa 1,70. Eventuali testimoni che hanno notato movimenti sospetti sono invitati a contattare la polizia.

Articoli correlati