Caccia aperta al rapinatore di via Caprani. Non si esclude la presenza di complici

alt

L’assalto nella villa

(m.pv.) È caccia aperta al malvivente che ha rapinato e minacciato – probabilmente con un punteruolo – una donna da poco trasferitasi in una villa di via Caprani, una traversa di via Oltrecolle. Le indagini partono dal fatto che, difficilmente, una azione simile, in una zona tanto isolata e buia, possa essere stata compiuta da un solo uomo senza l’aiuto di un complice. Anche perché il bottino è stato abbastanza “ingombrante”, soprattutto il pc e il televisore.
Come può essersi allontanato

il rapinatore, scappando tra i boschi che portano al Monte Goi, portandosi dietro un simile malloppo? Tutti elementi che sono ora sul tavolo della Questura che sta conducendo le indagini. Nessun testimone avrebbe assistito alla fuga e, soprattutto, il pattugliamento lungo i sentieri del bosco non avrebbe portato a rinvenire elementi utili alle indagini. Intanto torna d’attualità una zona, quella appunto delle vie che dalla Oltrecolle salgono sul monte (via Caprani ma anche via Quadrio e via Palazzetto) già pochi mesi fa prese di mira in più occasioni dai ladri. Ieri, intanto, in Ticino, a Villa Luganese, è andata in scena una rapina molto simile a quella di lunedì: due donne sono state minacciate in casa da due persone incappucciate e armate di coltello. I malviventi hanno rinchiuso le vittime in un locale della casa, per poi setacciare l’abitazione alla ricerca di refurtiva.

Nella foto:
Via Caprani, traversa di via Oltrecolle, dove è avvenuta la rapina in villa

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.