Calcetto e pizza, è quarantena italiani

Alla Cecchignola sport con mascherine-guanti.'Qui nemico è noia'

(ANSA) – ROMA, 4 FEB – Sfide di calcetto e ping pong, corsette intorno al campo, bimbi che giocano nel verde o disegnano nella hall. Tutti rigorosamente in mascherina e guanti, sempre. E sotto l’occhio vigile dei militari. La giornata dei 56 italiani in quarantena rientrati da Wuhan, la regione focolaio del coronavirus, è scandita ad un ritmo lento e rilassato all’interno del Centro olimpico della città militare della della Cecchignola a Roma. "Qui il vero nemico è la noia", spiega Michel Talignani, manager modenese di 45 anni e tra le persone rientrate da Wuhan. E stasera, per festeggiare il rientro in Italia, il gruppo ha chiesto una pizza. "Per noi, invece, l’unico fastidio è dover usare le mascherine durante l’attività fisica e con il fiatone non è il massimo. Entro la fine di questa quarantena quando tutto sarà finito – dice sorridendo il manager in quarantena – Proveremo ad organizzare una partitella amichevole di calcetto ‘Interforze contro appestati’".

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.