Calcio Como, i primi avversari dilettanti puri: i giocatori studiano e lavorano
Sport

Calcio Como, i primi avversari dilettanti puri: i giocatori studiano e lavorano

Squadre di dilettanti, nel vero senso del termine, che si allenano alla sera, con i giocatori che sono in prevalenza studenti e lavoratori. Questa la scheda delle prime avversarie del Como, nel caso in cui la squadra lariana alla fine dovesse ritrovare per davvero a giocare in serie D.
Il discorso vale per l’Ambrosiana (esordio in teoria il 16 settembre) e per lo Scanzorosciate, che sarà ospite dei lariani domenica 23 settembre.

L’Ambrosiana ha lo stesso nome che portò l’Inter tra 1928 e 1945, ma ha ben poco in comune con la società nerazzurra. Anzi. Il club veronese ha i colori rossoneri e ha un diavolo nel suo logo.
Una trasferta appetibile per motivi enogastronomici, visto che la Valpolicella è terra di famosi vini ed è la patria di un apprezzatissimo piatto tipico come il risotto all’amarone.

«Siamo alla seconda stagione in serie D – spiega Mattia Bergamaschi, il direttore sportivo dell’Ambrosiana – e il nostro obiettivo è di conquistare la salvezza. Non sarà facile, visto che il girone B sulla carta si presenta molto competitivo».

Una squadra decisamente legata al territorio: «Con noi abbiamo un croato e un brasiliano – spiega ancora il direttore sportivo rossonero – ma per il resto la rosa è composta da ragazzi del Veronese, per la maggior parte studenti, ma non manca anche qualche lavoratore. I nostri allenamenti, infatti, si svolgono alla sera».

Allenatore è Tommaso Chiecchi, veronese come il suo vice Stefano Garzon. Entrambi hanno trascorsi in squadre di serie B e C.
«Per tutti noi sarà una bella esperienza incontrare una formazione blasonata come il Como e scende in campo allo stadio Sinigaglia – conclude Bergamaschi – anche se in ogni caso dobbiamo attendere il 13 settembre. Stiamo alla finestra e attendiamo le decisioni del Tar».
Allenamenti alla sera e giocatori lavoratori o studenti. Il capitano Michele Rota, ad esempio, è un impiegato). Vale anche per lo Scanzorosciate, squadra di un paese a 5 chilometri da Bergamo, dai colori sociali giallorosso, proprio quelli della città. E la rosa non tradisce le aspettative: tutti i cognomi sono chi chiara marca orobica.

«Per noi già giocare in Eccellenza era come essere in Champions.. figuriamoci in serie D – sostiene il vicepresidente Giordano Chiesa – La nostra società è stata fondata nel 1967 e fa parte di una polisportiva che comprende anche basket, pallavolo e tennis».

«La storia è quella di un club che ha militato fra Prima e Seconda categoria, al massimo in Promozione – aggiunge il dirigente – Poi abbiamo avuto questa crescita che ci ha portato fino alla D, un torneo che posso definire “border line”, con realtà come la nostra, dilettantistiche, e grandi società come il Como o il Mantova».
Una curiosità: dirigenti, tecnici e giocatori dello Scanzorosciate si muovono con mezzi propri. «Raramente noleggiamo un pullman, cosa che penso faremo per la partita dello stadio Sinigaglia, in un impianto dove sono passati grandi giocatori – conclude il vicepresidente – Per noi sarà sicuramente una esperienza emozionante e gratificante, anche se alla fine quando scenderemo in campo penseremo a fare bene, come è giusto».

6 settembre 2018

Info Autore

Massimo Moscardi

mmoscardi mmoscardi@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
settembre: 2018
L M M G V S D
« Ago    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
 Farmacie di turno 

   Ospedali   

   Trasporti   
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto