Calcio: Mancosu,c’è chi ha paura ma dobbiamo correre rischio

Capitano del Lecce: "Ritorno agli allenamenti emozione'

(ANSA) – ROMA, 06 MAG – "Anche tra di noi c’è chi ha più paura, chi non vorrebbe e chi invece freme dalla voglia di ripartire. Alla fine non può non prevalere il senso di ripartire: c’è da correre un rischio calcolato, secondo me lo dobbiamo correre". Così il capitano del Lecce Marco Mancosu sulla possibile ripartenza del campionato di calcio di Serie A bloccato a 12 giornate dal termine per l’emergenza Coronavirus. "Se si ripartirà? Spero che con l’accordo dei medici si possa ripartire – prosegue Mancosu in un’intervista a Rai Sport – Dopo aver sentito l’apertura del governo oggi ho un po’ di speranza in più. In caso contrario andremmo incontro a un’estate di corsi e ricorsi e non andrebbe bene. La questione meritocratica deve prevalere sempre, sennò non c’è giustizia". Il rischio è sempre quello di un giocatore trovato positivo dopo l’eventuale ripresa del campionato: "È il punto principale della discussione – riconosce il centrocampista sardo – Io gioco a pallone, non sono un medico. Non entro in analisi che non mi competono. Il mio pensiero è che trovino una soluzione per poter ripartire". Proprio da oggi l’ok al rientro in allenamento anche per gli sport di squadra, seppur in forme individuali: "A livello di umore mi ha trasmesso positività – precisa il giallorosso – come un primo passo per il riavvicinamento alle cose normali. Sudare e correre, sono cose che ricorderò con tanto affetto. È come tornare a quando si andava a fare gli allenamenti da bambini prima di diventare professionisti. Paura? No, purtroppo ci dovremo convivere con questo virus". (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.