Calcio:protocollo Figc per organizzazione attività Nazionali

Documento redatto per prevenzione e contenimento Covid-19

(ANSA) – ROMA, 27 AGO – In vista del ritorno degli impegni della Nazionale, in campo a settembre in Nations League con Bosnia Erzegovina (4 settembre a Firenze) e Olanda (7 settembre ad Amsterdam), la Federcalcio ha pubblicato sul proprio sito il protocollo con le indicazioni generali per la pianificazione, l’organizzazione e la gestione delle attività di tutte le rappresentative azzurre finalizzate al contenimento dell’emergenza epidemiologia da Covid-19. Il documento è stato redatto sulla base delle vigenti disposizioni in materia di prevenzione e contenimento dell’emergenza emanate dalle autorità governative italiane e tenendo conto delle specifiche indicazioni provenienti dagli organismi internazionali Uefa e Fifa, che hanno disciplinato con appositi protocolli (in particolare il "Return to Play Protocol" dell’Uefa dello scorso 15 luglio) e raccomandazioni generali il ritorno allo svolgimento delle competizioni calcistiche internazionali. Nelle 77 pagine che compongono il protocollo federale, che entrerà in vigore da fine agosto col raduno di preparazione dell’Italia di Roberto Mancini previsto presso il centro tecnico di Coverciano, si specifica tra le altre cose che "il numero massimo di persone ammesse allo stadio in occasione delle gare della Nazionale A maschile, della Nazionale A femminile e della Nazionale Under 21 è stabilito in 500 unità". Riguardo ai requisiti medico-sanitari e ai test, all’arrivo presso la sede del raduno, tutti i soggetti del "Gruppo Squadra" saranno sottoposti a test molecolari (tamponi) per la ricerca del coronavirus e a test sierologico per la ricerca degli anticorpi specifici, questi ultimi, qualora non siano stati effettuati recentemente (non più di 7-8 giorni prima) nell’ambito dei club di appartenenza per i calciatori ed esibiti all’arrivo. In attesa dei risultati, poi, i giocatori saranno mantenuti in isolamento (camere di hotel) fino al responso (circa 4-6 ore di attesa). In caso di esito negativo, verranno ammessi al Gruppo Squadra. In caso di esito positivo, invece, sarà invece negato l’accesso al Gruppo e invitati a seguire le procedure previste ai sensi delle norme vigenti. (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.