Calendario del ciclismo, l’Uci prende tempo. “Lombardia” l’8 agosto da Bergamo a Como: ipotesi sempre più concreta

Giro di Lombardia Muro di Sormano

L’Unione ciclistica internazionale ha preso tempo. Ieri per tutto al giorno appassionati e addetti ai lavori hanno tenuto monitorato il sito ufficiale della federazione internazionale per vedere pubblicato il calendario definitivo della stagione agonistica 2020. Ma fino a sera nessun aggiornamento è stato pubblicato. L’ipotesi è che il tutto venga formalizzato venerdì. Gli appassionati comaschi, e non solo, stanno dunque per conoscere la data della “loro” gara, il Giro di Lombardia.
Nel calendario provvisorio, come è noto, la “classica-monumento” era stata inizialmente collocata al 31 ottobre, ma la Federazione italiana e gli organizzatori di Rcs Sport ne hanno chiesto lo spostamento all’8 agosto per costruire un mese di corse intenso e prestigioso – che comprenderebbe anche la Milano-Sanremo a Ferragosto – prima del via del Tour de France, che scatterà da Nizza il giorno 29 e si concluderà il 20 settembre.
Gli sportivi lariani, oltre che l’amministrazione di Palazzo Cernezzi e gli organizzatori locali, attendono comunicazioni. Como ha chiesto di poter ospitare, come negli ultimi anni, l’arrivo della corsa. In caso venisse confermato l’8 agosto – ipotesi al momento più probabile – la macchina è già pronta a partire, considerando i tempi stretti. Il in questo caso sarà da Bergamo – scelta di grande valore simbolico – e traguardo in piazza Cavour dopo Ghisallo, Muro di Sormano, Civiglio e Valfresca.
Giro di Lombardia ma non soltanto. Alla fine di questo mese, infatti, è attesa la presentazione del Giro d’Italia, programmato dal 3 al 25 ottobre.
Rispetto all’edizione che doveva scattare all’inizio di maggio non ci sarà la partenza dall’Ungheria: il via sarà al Sud, con la seconda parte della corsa che non dovrebbe subire cambiamenti sostanziali. Rcs Sport, con il direttore ciclismo Mauro Vegni, è al lavoro su ogni fronte, sia con il Governo che con le istituzioni locali. Il 23 ottobre la “Corsa rosa” dovrebbe passare dal territorio lariano con la tappa Morbegno-Asti, che, se confermata, prevederebbe il transito dei corridori dalla statale Regina verso Sud, poi dalla città di Como fino a Bregnano e alla provincia di Varese.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.