Calunnia, lesioni e minacce: condannata Maurizia Paradiso

copia di maurizia_smallInseguendo l’uomo con cui stava litigando lungo la Regina, perse l’accappatoio e rimase nuda in mezzo alla strada

Maurizia Paradiso, celebre e discusso personaggio televisivo residenze a Tremezzo, è stata condannata questa mattina a un anno, quattro mesi e 15 giorni per calunnia, lesioni e minacce. I fatti risalgono al 1 agosto del 2007, quando litigò pesantemente con un operaio che stava piazzando gli zoccolini nel suo appartamento. “Era la quinta volta che provava a farlo”, ha detto la Paradiso al giudice Carlo Cecchetti.
Ma la showgirl ha negato in aula di avere impugnato nel pieno del litigio dei coltelli (“al massimo delle tazzine per fare colazione”, ha sostenuto) e pure di avere spintonato il malcapitato nel bel mezzo della Regina dove il litigio si era trasferito. Tra l’altro, proprio in mezzo alla strada la donna perse l’accappatoio zebrato che indossava prima di svenire (“l’avevo comprato in un negozietto di Menaggio di due misure più grandi, era per il mio compagno… così correndo mi è caduto”). Alla fine tuttavia il giudice ha creduto alla versione dell’accusa (il pm Vanessa Ragazzi aveva chiesto due anni e tre mesi di pena) e ha condannato la Paradiso a un anno, quattro mesi e 15 giorni.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.