Campagna antinfluenzale dell’Asl, partenza senza disagi

In ogni ambulatorio da 20 a 50 utenti
Da venti a cinquanta utenti in ciascuno degli ambulatori gestiti dall’Asl e decine di prenotazioni negli studi dei medici di medicina generale. Avvio incoraggiante per la campagna antinfluenzale, scattata ieri sull’intero territorio provinciale con una buona affluenza ma senza particolari disagi.
Alle 8.30, i primi a dare il via ufficiale all’operazione sono stati gli operatori in servizio nell’ambulatorio di Albate. Nelle ore successive poi, in base al calendario diffuso nei giorni

scorsi dall’Asl, sono iniziate le vaccinazioni nelle altre strutture aderenti all’iniziativa. Le date e gli orari dettagliati per le singole sedi sono disponibili sul sito www.asl.como.it e sono in distribuzione nelle farmacie, nei distretti Asl e in altri luoghi ad alta frequentazione.
Al momento non è ancora stato diffuso un dato preciso sul numero di iniezioni effettuate nella prima giornata della campagna. In generale però l’afflusso è stato significativo, con almeno una ventina di pazienti vaccinati in ciascuna delle sedi. Tra i punti con la maggiore affluenza si possono citare l’ambulatorio della Croce Rossa di via Fulda e quello di Albate, ciascuno con una cinquantina di pazienti.
«Siamo particolarmente soddisfatti dei primi risultati – commenta a fine giornata il direttore sanitario dell’Asl, Carlo Alberto Tersalvi – Voglio ringraziare il personale dell’azienda sanitaria locale, le strutture e i medici di famiglia che stanno operando al meglio ed in concerto con noi per questa importante operazione». I responsabili di via Pessina ripetono ancora una volta ai pazienti l’appello a evitare la corsa al vaccino.
«La campagna di vaccinazione durerà fino a metà dicembre – dice Tersalvi – non c’è motivo di accalcarsi nelle prime giornate, ma è conveniente seguire il calendario predisposto dall’Asl e facilmente reperibile».
Fatta salva la libertà di scelta dei singoli utenti, i vertici dell’Asl invitano gli over 75 e i pazienti più fragili a fare riferimento al proprio medico di medicina generale. Negli altri casi, invece, l’indicazione è di rivolgersi a uno dei circa 100 ambulatori gestiti direttamente dall’azienda sanitaria.
Lo slogan scelto quest’anno per la campagna è “Vaccinarsi è un bene per tutti”. In particolare, hanno diritto ad effettuare gratuitamente l’iniezione le persone che hanno superato i 65 anni e i pazienti diabetici, cardiopatici, con problemi respiratori e affetti da patologie croniche. Vaccinazione a costo zero anche per gli operatori che svolgano compiti di pubblica utilità. Chiunque, pur non rientrando in una delle categorie indicate, volesse effettuare l’iniezione, può acquistare il siero in farmacia al costo di circa 10 euro e poi rivolgersi a un medico o infermiere qualificato per l’iniezione.

Anna Campaniello

Nella foto:
Nessuna coda ieri negli ambulatori dell’Asl per la campagna vaccinale di quest’anno

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.