Campionati italiani a Todi dal 22 giugno. Lariani in lizza nella sfida per lo scudetto

Andrea Arnaboldi

I più importanti tennisti comaschi sono pronti a tornare in campo e lo faranno nei Campionati italiani, che la Federazione tricolore intende riproporre in questo 2020 dopo anni di stop. Una competizione che ha un lariano come ultimo vincitore. Nel 2004, infatti, fu proprio il rovellaschese Massimo Dell’Acqua a conquistare l’edizione della manifestazione, battendo nella finalissima Paolo Lorenzi per 6-7, 7-6, 6-2.
Certo della presenza è Andrea Arnaboldi, nella foto, numero 282 del ranking mondiale Atp. Manca l’ufficialità, perché le liste degli iscritti ancora non si conoscono, ma anche suo cugino Federico Arnaboldi, 19 anni, prenderà parte agli Assoluti che saranno organizzati a Todi dal 22 giugno sulla terra battuta. Federico dovrà però partire dalle qualificazioni. La Federtennis – fatto che dovrebbe favorire il giovane canturino – ha infatti deciso di aggiungere, rispetto a quello che era il progetto iniziale, un tabellone di qualificazione che coinvolgerà un numero doppio di giocatori.
Federico Arnaboldi tra l’altro si sta allenando con il suo nuovo coach Diego Nargiso, protagonista ad alti livelli fra gli anni ‘80 e ‘90 e portacolori dell’Italia in Coppa Davis.
Non ci sono ancora notizie invece per quanto riguarda l’altro lariano, Lorenzo Rottoli – altro tennista promettente e in costante crescita – che pure potrebbe aspirare ad un posto nell’evento programmato in Umbria.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.