Campione d’Italia e le sue acque nel territorio doganale europeo

Casinò Campione 1

Il Parlamento europeo ha votato ieri favorevolmente alla proposta dell’eurodeputato del Pd, Roberto Gualtieri per  inserire il comune di Campione d’Italia e le acque italiane del Lago di Lugano nel territorio doganale europeo.

In aula a Strasburgo i sì sono stati 569, 12 contrari e 71 astensioni.
Il provvedimento entrerà in vigore il prossimo 1° gennaio.

La richiesta era stata presentata nel 2017 in quanto sono venute meno “le motivazioni storiche” che ne giustificavano l’esclusione. Ha votato a favore anche l’eurodeputata di Forza Italia Lara Comi: “Il mio è un voto per salvare Campione, enclave geograficamente collocata in territorio elvetico, ma appartenente alla Provincia di Como, quindi all’Italia”, ha spiegato.

“Per la sua particolarità, e per una serie di vicissitudini economiche e politiche – ha aggiunto l’eurodeputata azzurra – quest’area versa attualmente in una situazione di grave difficoltà, anche dal punto di vista occupazionale, e deve essere rilanciata”. Mai come in questo periodo, Campione, con il casinò chiuso da luglio e il prossimo licenziamento dell’80% dei dipendenti comunali, sta infatti soffrendo una crisi globale del paese.

“Si devono salvaguardare le attività locali e sostenere i residenti e gli imprenditori – ha detto ancora Lara Comi – Il mio è un voto per cogliere questa opportunità: la conferma dell’esenzione Iva per Campione d’Italia è un bene, sulla questione delle accise invece chiederemo al governo italiano di tutelare Campione d’Italia nelle negoziazioni con la Svizzera”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.