Campione d’Italia: la provocazione del sindacato: «Nel decreto salva-Roma entri pure l’enclave»

il Casinò di Campione d'Italia

«Si discute se e come salvare Roma e molte altre città dal fallimento. Si decida di farlo anche con Campione d’Italia».

Il segretario generale della Uil Funzione pubblica di Como, Vincenzo Falanga, lancia quella che egli stesso definisce una «classica provocazione».
Lo Stato, dice, «che ha dimenticato del tutto il piccolo paese comasco sulle rive del Ceresio, dimostri ora di saper prendere una decisione a favore dei suoi dipendenti. E non faccia differenza tra Comuni di serie A e Comuni di serie B».

Mercoledì è in calendario il voto sul decreto crescita che dovrebbe comprendere anche le norme sulla rimodulazione dei debiti della capitale. «Roma non è paragonabile a Campione, è ovvio – dice Falanga – e in questo momento fa gola a tutti perché è diventata un caso politico-elettorale. Ma qui ci sono decine di persone che lavorano senza prendere lo stipendio da 12 mesi. È ora di intervenire. Nel decreto si mettano i soldi anche per l’enclave».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.