Candidati sindaco, c’è Lionetti Udc: D’Ambrosio in pole position

L’ex leghista con “Impegno per Como”. Centristi, “sogno” Anzani
Grandi movimenti nell’arcipelago dei partiti e delle liste civiche in lizza per le prossime elezioni amministrative. Sono due le novità – tra ufficialità e indiscrezioni – filtrate nelle ultime ore. Riguardano la cosiddetta lista dei quartieri, il cui nome ufficiale è “Impegno per Como” e l’Udc.
Partiamo dal partito guidato da Pierferdinando Casini. I centristi, che pure lavorano ancora al progetto di un terzo polo che racchiuda più soggetti, starebbero pensando di proporre un loro
candidato sindaco agli eventuali alleati (Futuro e Libertà in primis, oltre all’Api fondata da Francesco Rutelli). Difficile varcare la soglia di riserbo che circonda le decisioni dell’Udc. Ma da pochi spifferi sono filtrate un’indiscrezione clamorosa (per ora, va premesso, senza alcuna conferma ufficiale) e un’indicazione meno roboante (ma probabilmente più concreta). La prima porterebbe addirittura a un coinvolgimento per le prossime elezioni dell’ex giudice Giuseppe Anzani. Nel caso, come probabile candidato sindaco. Ma, come detto, per ora si tratta di rumors allo stato puro. Più solida, invece, sarebbe l’opzione secondo la quale il segretario provinciale dell’Udc, David D’Ambrosio, sarebbe pronto a correre come candidato sindaco.
Ben più concreta, invece, è la novità che ha trovato ufficializzazione ieri e che riguarda la lista civica “Impegno per Como”, fondata da Pino Maisto. Il candidato sindaco sarà Emanuele Lionetti. Uno storico passato da militante leghista, Lionetti ha appena chiuso in maniera più che burrascosa il rapporto con un’altra lista civica, “Forza Como”. Secondo i dirigenti del movimento, l’attuale consigliere comunale sarebbe stato espulso. A detta dell’interessato, invece, sarebbe stato proprio lui ad annunciare ben prima della rottura traumatica la volontà di migrare verso altri lidi per insanabili divergenze con il gruppo dirigente di “Forza Como”. «La scelta di candidare a sindaco Lionetti – ha detto ieri Pino Maisto – è nata perché è una figura rappresentativa della città, oltre a essere fuori dai partiti classici ormai da 3 anni. Noi, come lista, non siamo contro la politica, ma contro questo sistema di governare. Abbiamo tra noi esponenti di tutti i quartieri, siamo l’unico vero soggetto civico».

Emanuele Caso

Nella foto:
L’ex militante storico della Lega, Emanuele Lionetti, con la fascia tricolore. Punta a indossarla ancora con la lista “Impegno per Como”

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.