Cani maltrattati: chiesti 3 anni

Furono 104 i cuccioli sequestrati a Merone

(m.pv.) Tre anni e quattro mesi di condanna, più 1.500 euro di multa. È questa la richiesta della pubblica accusa (pm Vanessa Ragazzi) al termine del processo contro il titolare di un negozio di animali di Merone – 39 anni – accusato di maltrattamento di animali, frode in commercio e ricettazione (per la provenienza dubbia dei passaporti delle bestie). La sentenza è attesa il 27 marzo. La vicenda risale al mese di maggio del 2010, quando a seguito di una indagine della Procura di Torino, il Corpo

forestale dello Stato intervenne nell’attività di Merone (in via Valassina) trovando 104 cani di ogni razza appena giunti all’Ungheria. Animali che, tuttavia, erano stati fatti arrivare in Italia – sostiene la procura – contro ogni legge che ne regola il commercio. I cani (cuccioli in alcuni casi di appena 45 giorni di vita) erano di un’età che non ne consente l’importazione e furono ritrovati in gabbiette del negozio di animali. Le razze andavano dalle più grandi come i San Bernardo, fino a Pincher, Labrador, West highland e Carlini. Le piccole bestiole (molte in precarie condizioni) furono sequestrate e affidate alle cure dell’Ente nazionale protezione animali ma purtroppo per 19 su 104 non ci fu comunque niente da fare. La vicenda è arrivata poi in un’aula di tribunale e si attende solo la sentenza di primo grado.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.