Canottaggio: lariani sotto osservazione in vista di Tokio 2020

Ludovica Braglia con papà Simone, ex portiere del Como e di formazioni di serie A

Le Olimpiadi di Tokio del 2020 sono già nel mirino della Federazione Canottaggio. In occasione della regata nazionale di fondo in programma a Sabaudia per domenica, il direttore tecnico azzurro Giuseppe La Mura ha indetto un raduno valutativo – in vista dei prossimi Giochi – riservato ad atlete e atleti Senior, Pesi leggeri e Under 23. Il collegiale terminerà domenica 18 dopo l’allenamento e la riunione tecnica.

Pietro Ruta, grande appassionato di motori, pochi giorni fa al Monza rally Show con l’ex campione del mondo di rally Miki Biasion

Tra i canottieri che sono stati inseriti nel gruppo dei “papabili” per il Giappone fa parte anche una folta delegazione di comaschi. Alcuni di loro vantano una lunga esperienza con una serie di successi a livello nazionale e internazionale. Altri sono giovani promettenti che in prospettiva possono recitare un ruolo importante in uno sport che da sempre regala grandi gioie al Lario.
La Mura ha infatti messo sotto osservazione Ludovica Braglia e Filippo Mondelli (Moltrasio), Aisha Rocek, Caterina Di Fonzo, Nicole Sala (Canottieri Lario), la bellagina Elisabetta Sancassani (Fiamme Gialle) e Pietro Ruta (Fiamme Oro, lariano cresciuto nella Canottieri Menaggio, già quarto alle Olimpiadi di Rio 2016).

Articoli correlati