Canottaggio, Trofeo Villa d’Este firmato ancora Noseda e Fontana

Podio gara femminile Trofeo Villa d'Este 2019

Uno spettacolo unico, con 90 barche partecipanti in uno scenario da sogno, tra il Tempio Voltiano, Villa d’Este a Cernobbio e la Canottieri Lario. Il Trofeo Villa d’Este di canottaggio si conferma una splendida “classica” del remo. Sotto la perfetta organizzazione della Canottieri Lario G. Sinigaglia e del presidente Leonardo Bernasconi, non si può dire che siano mancati emozioni e colpi di scena in questo Villa d’Este 2019, con un arrivo poi corretto dalla giuria per il “salto” di una boa.
La vittoria tra gli uomini alla fine è andata al 23enne Lorenzo Fontana, campione del mondo 2018 sul quattro di coppia, vicecampione del mondo e campione d’Europa 2019. Per Fontana si tratta del terzo successo consecutivo. L’asso della Canottieri Menaggio ha battuto così il numero di successi di Elia Luini e Josè Casiraghi. Subito dietro Fontana, il talento emergente della Canottieri Lario, Patrick Rocek, 20 anni, atleta azzurro, terzo Luca Borgonovo della Canottieri Cernobbio.
Non meno di pregio l’affermazione al femminile (nella foto sopra, il podio), che ha visto la 21enne della Canottieri Lario Arianna Noseda, già tre volte campionessa del mondo, affermarsi per il secondo anno consecutivo e giungere davanti a tanti uomini. Secondo posto per un’altra stella del remo del Lago di Como, Greta Martinelli, 18 anni della Tremezzina, due volte campionessa del mondo quest’anno. Terza è giunta la 16enne della Lario, Serena Mossi, già vicecampionessa europea e mondiale. Tra i giovanissimi, 1° Manuel Caldara seguito da Angelo Boleso e Davide Imperiali; nel femminile affermazione di Arianna Bordoli davanti a Francesca Donatone e Sara Caterisano.

Il podio della gara maschile
Trofeo Villa d’Este 2019, il podio della gara maschile

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.