Canton Ticino, sì del Gran Consiglio sul dumping salariale
Economia, Territorio

Canton Ticino, sì del Gran Consiglio sul dumping salariale

Dal Gran Consiglio, il parlamento del Canton Ticino, arriva il via libera al controllo sistematico dei salari. La proposta per contrastare il dumping salariale – primo firmatario è il deputato di Chiasso Giorgio Fonio del Partito Popolare Democratico (Ppd) – è stata infatti accolta lunedì dal Gran Consiglio con 59 sì, 23 no e 2 astensioni. Oltre al Ppd, hanno votato a favore Lega, Verdi e Partito socialista; la proposta era sostenuta anche dai sindacati. Il Partito Liberale Radicale Ticinese ha invece votato no. Contrari al provvedimento si erano detti anche il governo di Bellinzona e le associazioni economiche ticinesi.
L’intenzione è di verificare in modo puntuale le condizioni salariali offerte dal datore di lavoro ogni qual volta viene rilasciato un permesso e, in caso di anomalie o abusi, sanzionare i trasgressori.

24 gennaio 2018

Info Autore

Redazione Corriere di Como

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
novembre: 2018
L M M G V S D
« Ott    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto