Cantù, campagna abbonamenti al veleno

La nuova campagna abbonamenti della Pallacanestro Cantù sotto lo slogan “Write the future” non parte sotto i migliori auspici. I supporters sui social sono scatenati: sulla pagina Facebook “Tifosi canturini” vengono contestate numerose decisioni dei vertici e al termine del lungo sfogo si legge testualmente: «Invitiamo tutti a disertare il rinnovo eventuale del primo anello», sollecitando invece l’abbonamento in curva. Ma andiamo con ordine.

La campagna abbonamenti, dopo un inconveniente tecnico (così è stato spiegato in un comunicato stampa) è iniziata ieri e in mattinata sul sito della Pallacanestro Cantù sono state pubblicate tutte le informazioni. «La Pallacanestro Cantù sta entrando in una nuova epoca – ha affermato il presidente, Irina Gerasimenko – con il nuovo palazzetto faremo un passo importante, ora però c’è da restare uniti e remare tutti nella stessa direzione. Davanti a noi c’è un futuro da scrivere, facciamolo insieme. Il disegno è pronto, non ci resta che continuare a dipingere la nostra storia, passo dopo passo». Nel dettaglio: i costi dei biglietti stagionali nel settore “Curva” rimarranno invariati, previsti sconti e agevolazioni (in particolare per gli under 21).

I tifosi però contestano l’aumento in alcuni aree del primo anello. «Si passa – scrivono – dai 180 euro della curva ai 350 semplicemente a pochi metri di distanza». Quindi aggiungono: «Invitiamo tutti a disertare il rinnovo eventuale del primo anello e abbonarsi tutti in curva e a spostarsi poi al secondo anello per chi vuol seguire la partita seduto tranquillamente, creando così un buco vasto nel settore più in luce con le riprese televisive». Sul piano sportivo, intanto, la squadra di Bolshakov debutta con una sconfitta: il primo test amichevole della stagione 2017-2018 è finito 82 a 80 per Bergamo, formazione neo promossa in Serie A2. Teatro della prima uscita stagionale il “PalaMaloggia” di Chiavenna, località che ha ospitato la società canturina per una settimana.

Articoli correlati