Cantù, carabinieri come angeli custodi per un’anziana disorientata

Vagava a piedi senza una meta in stato confusionale per il centro di Cantù, quando è stata notata dai carabinieri del nucleo radiomobile della compagnia cittadina. Per una donna anziana, i carabinieri sono diventati così degli angeli custodi. I fatti risalgono alle prime ore della mattina di Natale. La donna è stata notata dalla pattuglia in Largo Adua. Era ormai stremata dal freddo e procedeva a tentoni.

Avvicinata dai militari, l’anziana ha spiegato che stava cercando di andare a trovare suo figlio, ma non era più neppure in grado di dire chi fosse e dove abitasse. I militari hanno chiesto subito l’intervento del personale sanitario del “118”. I soccorsi hanno fornito alla signora le prime core. Con l’aiuto di alcuni residenti accorsi nel frattempo si è riusciti a risalire anche all’indentità della donna. Si tratta di una 86enne residente in via Montesanto. La casa dista una ventina di minuti a piedi dal luogo del ritrovamento.

È stato rintracciato anche il figlio dell’anziana che la credeva ancora a casa. Ha potuto riabbracciarla poco dopo, all’Ospedale di Cantù, dove era stata portata per alcuni accertamenti sanitari. Malgrado il freddo patito in quelle ore girovagando senza meta ed il comprensibile spavento, la donna è stata poi dimessa e ha potuto trascorrere il Natale insieme con il figlio.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.