Sport

Cantù dei primati

alt

Brianzoli sempre ai vertici in Italia e in Eurocup

Primato in Eurocup, primato in campionato, imbattibilità casalinga e una crescita costante. Quanti motivi per sorridere in casa della Pallacanestro Cantù dopo la bella vittoria ottenuta al Pianella domenica contro l’ambiziosa Sidigas Avellino domata per 74-67, la nona su dieci gare ufficiali.
Sorride e si gode questo momento magico la first lady biancoblù Anna Cremascoli, da poco insignita del prestigioso Premio Reverberi come personaggio dell’anno 2013: «Siamo contenti di essere lassù

sia in Italia che in Europa – dice il numero uno – Diciamolo pure, stiamo andando anche oltre le più rosee aspettative. Ma l’appetito vien mangiando quindi speriamo di continuare».
La concorrenza, però, non manca e anche domenica non è stato affatto facile domare i lupi di Avellino. «È stata una gara difficile, complicatasi all’inizio per le nostre basse percentuali al tiro e per il valore dell’avversario – ammette Anna Cremascoli – Quel che mi è piaciuto di più è stato lo spirito della squadra che non ha mai mollato, non si è disunita ma ha saputo reagire nella seconda parte del match ed è cresciuta meritando la vittoria».
Il primato in campionato piace ma non dà alla testa. «Siamo soltanto all’inizio e la stagione è lunghissima – ammette la first lady – Certamente ci fa piacere essere lì e faremo tutto il possibile per restarci a lungo, anche se sappiamo che la concorrenza non manca. Anzi, mai come quest’anno il campionato è equilibrato, bello e aperto: tutte le partite sono da giocare fino in fondo, con chiunque».
Piedi per terra, quindi, ma soddisfazione a mille perché dopo dieci partite ufficiali il primo bilancio in casa biancoblù non può che essere più che buono. «Sicuramente – conferma il primo dirigente canturino – il bilancio di questa prima parte è largamente positivo ma è troppo presto per fare previsioni di ogni tipo, sia in campionato che in Coppa».
In Eurocup, però, il primo obiettivo è ormai nel mirino: il primato solitario dall’alto di quattro vittorie di fila fa ben sperare e domani si potrebbe chiudere l’andata con l’enplain in casa del fanalino di coda Cibona Zagabria, ancora a secco di punti. «Usiamo il condizionale sia per quanto riguarda la qualificazione che per il primato finchè la matematica non ci dà la certezza – ribatte Cremascoli – Inutile negare che le quattro vittorie ci hanno avvicinato al nostro primo obiettivo stagionale, ma la prudenza non è mai troppa. Sincermente non pensavo di ritrovarmi in un girone come il nostro, così equilibrato, sul 4-0 dopo le prime quattro partite: ma adesso, già che ci siamo, andiamo a Zagabria per centrare la quinta vittoria. Chiudere imbattuti l’andata ci avvicinerebbe alla seconda fase e allora si potrebbe anche pensare a chiudere al primo posto».
Cremascoli gongola anche perchè vede i progressi della sua creatura. «Questa squadra piace non solo a me, ma soprattutto continua a crescere e lo dimostrano i risultati e il gioco. Una formazione che ha un anima, un gruppo e che ha ancora ampi margini di miglioramento. Come non si fa ad essere contenti e ottimisti guardando al futuro?».
Chi crede nella crescita di Cantù è anche Pietro Aradori, rientrato a tempo pieno dopo l’infortunio alla caviglia: per lui domenica 25’ e 11 punti. «Sono soddisfatto del mio rientro – sostiene – Sto sempre meglio e penso di aver dato il mio contributo. Del resto c’è bisogno di tutti nella nostra squadra. Contro Avellino non è stato facile ma nessuna partita è mai scontata soprattutto contro avversari così tosti».
«Abbiamo commesso qualche errore, soprattutto in attacco, ma quando si vince va tutto bene per il morale e la classifica. Stiamo migliorando – prosegue sorridente lo “squalo” – ma possiamo crescere ancora specialmente nel gioco offensivo e nella circolazione di palla. Penso che già domani a Zagabria avremo l’occasione di migliorare ancora. L’importante è stare sempre uniti, lavorare insieme anche quando si commettono errori: dobbiamo andare avanti così».

Ancrea Piccinelli

Nella foto:
Maarten Leunen in azione durante la gara di Eurocup contro i tedeschi dell’Artland. Nella competizione continentale, i brianzoli hanno sempre vinto e domani sono attesi dalla trasferta a Zagabria con il Cibona
12 Novembre 2013

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto