Cantù, in giunta oggi l’addio definitivo a Turra

alt

Economia e infrastrutture
Si pensa di chiudere il project financing attivato per realizzare il palazzetto dello sport

Il Comune di Cantù sarebbe pronto a chiudere definitivamente i rapporti con Turra (società che avrebbe dovuto realizzare il palazzetto dello sport) annullando il project financing che regolava il rapporto tra l’ente pubblico e il privato incaricato dei lavori. La svolta potrebbe avvenire già nelle prossime ore, anche se, sullo sfondo, resta aperta l’ipotesi di una nuova azienda che subentrerebbe nella gestione del cantiere di Corso Europa.
L’indiscrezione su una imminente risoluzione definitiva

con Turra è circolata nelle scorse ore.
Nessuna conferma ufficiale dal Comune. «Al momento non ci sono novità di rilievo – ha ripetuto ieri il sindaco, Claudio Bizzozero – Resta aperta la trattativa con un ipotetico soggetto che potrebbe chiudere la partita, ma non posso al momento indicare scadenze e tempi».
Tuttavia, qualcosa si sta muovendo. All’inizio di aprile scadrà la proroga concessa dal Comune a Turra per completare i lavori del palazzetto. Il cantiere è bloccato da mesi e non c’è alcuna possibilità che il termine sia rispettato. A dicembre il Comune di Cantù ha deciso di risolvere per inadempienza il contratto con la società bresciana. Per la precisione, la giunta ha «espresso l’indirizzo di avviare la procedura per la risoluzione del contratto».
Nelle settimane successive ha preso corpo l’ipotesi di un nuovo soggetto privato disposto a subentrare a Turra, ma la svolta non è mai stata ufficializzata. Nelle prossime ore però potrebbe essere chiusa una volta per tutte la partita con i bresciani che già nella primavera del 2013 – termine poi slittato di un anno – avrebbero dovuto consegnare alla città di Cantù il nuovo palazzetto. Oggi, all’ordine del giorno della giunta di Cantù compare anche un «aggiornamento sul palazzetto».
«Chiediamo ai tecnici di informarci periodicamente sull’andamento della vicenda e su eventuali variazioni – si è limitato a dire Bizzozero – Al momento non ci sono anticipazioni in merito, vedremo quali saranno le eventuali novità durante la riunione della giunta. Valuteremo a che punto siamo».
Il Comune sta gestendo direttamente le trattative con i privati che potrebbero sostituirsi a Turra e riprendere i lavori del palazzetto. Un’incognita restano però le modalità di risoluzione del contratto con la società bresciana.
Se ci fosse un’intesa tra le parti sullo scioglimento del rapporto, potrebbe essere evitata la paventata “guerra di ricorsi”, un iter che porterebbe inevitabilmente ad un ulteriore prolungamento dei tempi già biblici del cantiere del palazzetto.

Anna Campaniello

Nella foto:
Il palazzetto dello sport di Corso Europa, a Cantù, è rimasto un sogno. Il cantiere è ormai fermo da molti mesi (foto Mv)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.