Cantù, inizia il ciclo di ferro:  «Non molleremo di una virgola»
Sport

Cantù, inizia il ciclo di ferro: «Non molleremo di una virgola»

«Non dobbiamo e non vogliamo mollare di una virgola fino al termine della stagione». È perentorio coach Marco Sodini alla vigilia della gara della Pallacanestro Cantù sul campo della Reyer Venezia campione d’Italia (domani ore 19).
Dopo due vittorie consecutive contro Avellino e Pistoia, i brianzoli sono attesi da una serie di sfide (nell’ordine Venezia, Torino, Brescia, Bologna e Milano) contro le formazioni di vertice del campionato.
«La valutazione sul percorso va fatta dopo le prossime cinque gare che ci aspettano, anche perché le aspettative si creano dopo i risultati conquistati – sostiene ancora il tecnico della formazione brianzola – Adesso non possiamo accontentarci soltanto di avere più punti dello scorso anno».
«Da sempre marzo è un mese spartiacque per chi vuole ambire a qualche risultato – afferma ancora il tecnico – Speriamo che il finale di stagione possa riservare delle soddisfazioni sia a noi sia ai nostri sostenitori».
Primo passo, dunque, domani sul campo della Reyer: «Dalla mia squadra aspetto aggressività senza remore – spiega Sodini – L’obiettivo è imporre la nostra pallacanestro, correndo tanto».
«Venezia è la squadra più brava a non far correre gli attacchi avversari in contropiede. Noi, invece, dovremo essere bravi nel far andare la palla. Vorrei eliminare quei tempi morti che si sono verificati nelle partite con Avellino e Pistoia».
Partite difficili, ma in cui i brianzoli promettono di dare battaglia. L’allenatore suona la carica. «Adesso avremo tanti test probanti. Con aggressività e attenzione per tutti i 40’ possiamo pensare di competere, e per vincere è necessario competere. Andiamo a casa della squadra campione d’Italia, allenata da una persona come coach Walter De Raffaele che stimo tantissimo, indipendentemente dalla pallacanestro».
Peraltro, dopo la nomina di Marco Sodini a capoallenatore tra la prima e la seconda giornata di campionato, i primi complimenti e auguri giunti al coach viareggino furono spediti proprio da De Raffaele.
«Venezia è una squadra di sistema, ben rodata e costruita nel tempo, capace di giocare tantissime situazioni diverse – conclude l’allenatore di Cantù – Sbaglia poco e ha un gioco basato sul controllo degli errori, che vuole macerare a fuoco lento gli avversari. È una partita che appare proibitiva per noi ma che affronteremo comunque con la determinazione di proseguire il nostro cammino di crescita».

17 marzo 2018

Info Autore

Redazione Corriere di Como

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
 Farmacie di turno 

   Ospedali   

   Trasporti   
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto