Cantù, la giunta Arosio contro i mendicanti e chi sputa in centro

Vietato gridare, sputare e schiamazzare in centro a Cantù.
È stata firmata e pubblicata ieri l’ordinanza del sindaco leghista di Cantù contro i mendicanti.
Il primo cittadino Edgardo Arosio ha sottoscritto un documento che vieta l’accattonaggio nel centro storico, nei parchi pubblici, vicino alle scuole, nei parcheggi e nelle aree in cui si svolgono eventi e manifestazioni.
L’ordinanza prevede anche il divieto di bivacco a qualsiasi ora del giorno e della notte. Vietata naturalmente anche la questua con minori o animali. Per i trasgressori sono previste multe da 25 a 500 euro, oltre al sequestro dei proventi dell’elemosina. I controlli sono affidati alla polizia locale cittadina.
Il documento non è però stato pensato soltanto per i mendicanti. In un punto si fa preciso riferimento a tutti i comportamenti che potrebbero minare il decoro urbano, come sputare, schiamazzare, gettare rifiuti per terra, oltre che naturalmente «orinare, defecare» si legge. Pugno duro contro il degrado sociale in centro.

Articoli correlati