Cantù, la trasferta di Pistoia è già decisiva. Dopo lo stop con Roma, brianzoli attesi da un match fondamentale

1 Basket 2019 2020 Cantù Virtus Roma

Una sconfitta che se da un lato ha lasciato molta amarezza, dall’altro ha mostrato una Pallacanestro Cantù grintosa che, pur sbagliando, non si arrende fino alla fine. E da questo deve ripartire in vista delle prossima sfida, di grande importanza nella lotta per non retrocedere. Domenica prossima, infatti, l’Acqua S. Bernardo è impegnata sul campo di Pistoia, formazione che, con Pesaro è Trieste, è nei bassifondi della classifica di serie A. Due punti che sarebbero fondamentali per la classifica e per riscattare la sconfitta interna contro la Virtus Roma, giunta in volata, con la squadra della capitale che a Desio si è imposta per 74-76 grazie a un canestro di Jerome Dyson negli istanti finali. Il tentativo del canturino Wes Clark di pareggiare con l’ultimo tiro si è infranto contro la difesa ospite. Ma la squadra di coach Cesare Pancotto ha avuto il merito di recuperare e riaprire il match quando Roma era avanti di 10 punti e tutto sembrava già scritto con una vittoria dei giallorossi. Cantù rimane dunque ferma a quota 6 in classifica, alla pari con Varese, Cremona e Treviso. «In difesa abbiamo aspettato e non aggredito – ha detto l’allenatore dei brianzoli, Cesare Pancotto – Contro una squadra che ha giocatori di talento, se tu aspetti l’onda, l’onda ti travolge; se tu le vai incontro, la scavalchi. Quando li abbiamo aggrediti, abbiamo creato il vantaggio del secondo tempo e il recupero nel finale». «Dobbiamo migliorare gli uno contro uno, soprattutto sul perimetro – ha detto ancora il tecnico dell’Acqua S.Bernardo – Dentro l’area ce lo aspettavamo e siamo stati più che dignitosi. Di positivo mi prendo la grande volontà che abbiamo dimostrato di avere e la tanta energia che abbiamo messo nel recupero, sul -10, nonché il fatto che abbiamo giocato un buonissimo primo tempo, sia in attacco che in difesa». Ora, però, non c’è tempo per piangersi addosso. È già tempo di pensare alla trasferta di Pistoia di domenica prossima. «Abbiamo perso e ora, come quelli che perdono, ci rimbocchiamo le maniche e ripartiamo: noi siamo pronti a farlo».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.