Cantù, lettera del sindaco Arosio ai consiglieri comunali

Edgardo Arosio

Edgardo Arosio, sindaco di Cantù Edgardo Arosio, sindaco di Cantù

Una lettera-memorandum di 7 pagine tesa a dimostrare un’unica tesi: far decadere il sindaco significherebbe violare la sovranità popolare e umiliare la democrazia.

L’ha scritta il primo cittadino di Cantù, Edgardo Arosio, a tutti i consiglieri comunali.

Arosio chiede che l’assemblea citttadina dica no alla «definitiva contestazione della causa di incompatibilità».

Maggiori approfondimenti sull’edizione di domani del Corriere di Como.

 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.