Cantù-Milano, Irina Gerasimenko suona la carica: «Vogliamo lottare fino all’ultimo secondo»
Sport

Cantù-Milano, Irina Gerasimenko suona la carica: «Vogliamo lottare fino all’ultimo secondo»

«Noi vogliamo lottare fino all’ultimo secondo». Irina Gerasimenko, presidente della Pallacanestro Cantù (che questa sera sarà targata Forst) alla vigilia del derby con Milano dell’ex Awudu Abass. L’appuntamento è fissato alle 20.45 al PalaDesio. Un match che doveva andare in scena ieri sera ma, come è noto, è stato spostato per il ritardo dell’Armani al rientro dalla gara di Eurolega ad Istanbul.
Cantù, anche in caso di successo, è fuori dai giochi per la qualificazione in Coppa Italia. Ma l’obiettivo è confermare – con il nuovo acquisto Pat Calathes nel roster – quanto di buono fatto vedere nelle ultime uscite (quattro successi in cinque match disputati, con alla guida coach Kiril Bolshakov).
Alla vigilia di questo delicato e sentito match, il presidente rivela le sue sensazioni al “Corriere di Como”. «Sono sicuramente emozionata – spiega Irina Gerasimenko – So quanto sia importante questa sfida per i nostri sostenitori. Milano è sicuramente più forte, ma noi vogliamo lottare fino all’ultimo secondo».
E non è un caso che gli ultimi allenamenti della squadra abbiano avuto un largo contorno di pubblico con i supporter brianzoli che hanno incitato i loro giocatori come fanno ad ogni partita. I filmati stanno girando sui social e sono ormai un cult.
Il numero uno del club brianzolo analizza la situazione, soprattutto quella che si è creata dopo l’arrivo di Bolshakov, che ha sostituito Rimas Kurtinaitis. «Siamo stati bravi a riprenderci dopo un periodo difficile – aggiunge Irina Gerasimenko – Come ho sempre detto, l’importante non è non cadere, ma sapersi rialzare e ho molto apprezzato lo sforzo dei miei giocatori per mettersi sulla giusta strada».
A questo punto, dopo un inizio difficile e la ripresa che c’è stata, quali sono le aspirazioni del club? «Il nostro obiettivo rimane quello di cercare di arrivare ai playoff – spiega il massimo dirigente – Non sarà facile vista la partenza complicata, ma sono fiduciosa che nel girone di ritorno la squadra possa migliorare ulteriormente».
Molto, come detto, è cambiato con l’avvicendamento tra Kurtinaitis e Bolshakov, che ha rivalutato e dato fiducia a giocatori a cui il precedente tecnico non dava forse troppa fiducia.
«Dobbiamo essere molto riconoscenti a Kiril – spiega – Nel momento più difficile la sua calma, la sua serenità e la sua esperienza sono state fondamentali per trovare i giusti correttivi e per dare nuova fiducia alla squadra. Ciò nonostante credo che un grosso ringraziamento vada esteso a tutti i membri dello staff che si sono prodigati in ogni momento per mettere i giocatori nelle migliori condizioni possibili».
Stasera, come detto, Cantù porterà sulla maglia lo storico marchio Forst (al palazzetto non mancheranno alcuni protagonisti della vittoria scudetto del 1975), poi toccherà alla Mia di Davide Marson. «Devo ringraziare di cuore Davide Marson che ha deciso con Mia di darci un grande contributo e di scendere in campo al nostro fianco – afferma ancora Irina Gerasimenko – Per ora non posso sbilanciarmi su eventuali altre novità sul fronte degli sponsor». Infine un pensiero per uno fra i suoi più stretti collaboratori: «Tra le persone che ci hanno aiutato negli ultimi tempi vorrei ringraziare Sergio Paparelli che nel momento più difficile ci è stato davvero vicino, non solo economicamente».
Massimo Moscardi

10 gennaio 2017

Info Autore

Redazione Corriere di Como

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Archivio
ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
 Farmacie di turno 

   Ospedali   

   Trasporti   
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto