Cantù, morale alle stelle. Si ricomincia in Eurocup: stasera in campo a Parigi

alt

Basket. Brianzoli primi in serie A e pronti per la sfida odierna di Coppa
Alle 20.45 il match con Nanterre, campione di Francia

Dall’alto del primo posto in campionato condiviso con Brindisi e Siena e dopo il successo con Reggio Emilia, la Foxtown Cantù è volata a Parigi dove questa sera (alle ore 20.45) inaugura il suo 2014 continentale e la seconda fase di Eurocup rendendo visita ai campioni di Francia del Jsf Nanterre.
Dopo aver vinto il girone A, ora la squadra brianzola debutta nelle Last32 che la vedrà sfidare nel raggruppamento I, oltre al club transalpino anche i turchi del Pinar Karsiyaka, e i tedeschi

dell’Ulm. «Conquistando il primato del girone eliminatorio – sottolinea il coach biancoblù Stefano Sacripanti – abbiamo evitato trasferte troppo lunghe e incroci pericolosi con top club. Detto questo, però, siamo capitati in un girone equilibrato con squadre di ottimo valore, ma noi vogliamo giocarci al massimo le nostre possibilità contro tutti per provare a staccare uno dei due biglietti per gli ottavi».
Nanterre è una squadra emergente nel panorama non solo francese. Nella scorsa stagione ha vinto il suo primo titolo nazionale ma anche in campo continentale dove, proprio quest’anno, ha debuttato in Eurolega ed è stata eliminata (ma solo per differenza canestri negativa) con il Partizan Belgrado nel girone inaugurale, perdendo sette partite e vincendone tre, compresa quella contro il Barcellona.
«Iniziamo la nostra avventura in questa Last 32 di Eurocup con grande emozione ed entusiasmo – sottolinea ancora Sacripanti – Oggi affrontiamo i campioni di Francia in un palazzetto pieno e molto caldo. Sappiamo che la squadra transalpina ha maggiore fisicità, ma da parte nostra con l’innesto di Denis Marconato stiamo trovando un nuovo equilibrio senza dover cambiare il nostro sistema di gioco».
«Inoltre – dice il coach – abbiamo avuto un giorno in più per prepararci, ecco perchè vogliamo disputare la migliore partita possibile. Per noi infatti sarebbe importante iniziare bene questa seconda fase ben sapendo che vincere in trasferta in Europa non è mai facile».
Proprio Denis Marconato torna a calcare il parquet continentale dopo aver debuttato positivamente sabato scorso in campionato: «Più di così non potevo chiedere – afferma il giocatore tornare a Cantù e in una squadra così forte. Ho trovato proprio un bel gruppo che ha ampi margini di miglioramento, inserirmi non è stato difficile, anzi. Ora mi serve un po’ di tempo per ritrovare la forma e migliorare».
Oltre confine con Cantù Marconato aveva già giocato in Eurolega, mentre oggi debutta in Eurocup: «Una competizione di ottimo livello e so quanto ci tiene tutto l’ambiente canturino – spiega Denis – La squadra ha fatto molto bene nella prima fase. Ora ci attende un nuovo girone impegnativo ma possiamo andare lontano e puntare alla qualificazione». Vista la lunga assenza di Marco Cusin, infatti, Marconato giocherà tutta questa seconda fase di Eurocup.
Al centro canturino fa eco anche Joe Ragland, osservato speciale dalla squadra e dall’ambiente francese: «Siamo davvero carichi – commenta il play biancoblù – per la prima gara di queste Last 32 di Eurocup. Sappiamo che il Nanterre è un’ottima squadra e che arriva da un’importante esperienza in Eurolega. In un gruppo con solo 6 turni, ogni gara può essere decisiva e conquistare subito un successo esterno sarebbe sicuramente il miglior modo di iniziare questa nuova fase. La chiave del match? Dovremo essere capaci di replicare al loro atletismo con una grande attenzione in difesa».
Dopo la sfida con il Nanterre, Cantù giocherà in casa in Eurocup il prossimo 15 gennaio contro i tedeschi dell’Ulm.

Andrea Piccinelli

Nella foto:
I giocatori canturini salutano i loro tifosi dopo la sfida vinta sabato sera contro Reggio Emilia, vittoria che garantisce il primo posto in serie A

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.