Cantù Next: «La retrocessione non ferma il palasport»

Rendering nuovo palazzetto palasport Cantù

Un segnale forte per una città e una tifoseria ancora sotto shock per la retrocessione in serie A2 della Pallacanestro Cantù, tra le più gloriose squadre nella storia del basket tricolore ed europeo.
Lunedì sera si è immediatamente riunita l’assemblea di Cantù Next Spa, la società legata al club brianzolo che ha come obiettivo la costruzione del nuovo palazzetto in corso Europa.
Una scelta fatta anche perché, in molti, in Brianza, non avevano dimenticato una dichiarazione pubblica del presidente della stessa Cantù Next, Sergio Paparelli, rilasciata a inizio gennaio. «La salvezza della squadra è fondamentale per proseguire nel progetto e con tutti i discorsi aperti. Retrocedere sarebbe deleterio». E ora che la caduta nella categoria inferiore c’è stata per davvero, si è reso necessario quantomeno rettificare e, come dicono i francesi “mettere la chiesa al centro del villaggio”, ossia riordinare la scala dei valori e delle cose.
«Cantù Next Spa ribadisce la propria ferma volontà di continuare con il percorso di realizzazione del nuovo palasport di Cantù – dice perentorio il comunicato che è stato diffuso ieri – La nuova arena non sarà solamente un’opera fondamentale per riportare la Pallacanestro Cantù ai livelli che la storia del basket la assegna, ma è destinata a diventare un importante punto di riferimento e attrazione per tutto il territorio e l’intera cittadinanza».
Viene inoltre ribadito che «Cantù Next Spa conferma inoltre l’intento di garantire il sostegno all’attività sportiva del club, indipendentemente da quali siano i suoi risultati sul campo. Il piano industriale condiviso con la società è infatti molto solido e si sta lavorando quotidianamente per conseguire gli obiettivi prefissati».
Lo stesso Paparelli ha poi tenuto a sottolineare: «Il nostro cammino prosegue con identico spirito e impegno. Da tifoso non posso che essere dispiaciuto per l’esito della stagione, pur con l’auspicio che la Pallacanestro Cantù possa continuare a disputare la serie A, vista l’eccezionalità del campionato appena terminato».
«Nelle ultime due settimane sono state raggiunte tappe importanti con il deposito della Vas, la valutazione ambientale strategica, e la firma della partnership con una company internazionale come Asm Global. Tutti i nostri tecnici stanno ora lavorando alacremente per arrivare nei tempi stabiliti alla consegna del progetto definitivo e alla redazione delle bozze di convenzione, passi essenziali per l’avvio della procedura di gara».
Il piano definitivo è in fase di preparazione. L’ipotesi è che possa essere consegnato in Comune a Cantù nei primi giorni del mese di giugno.

Rendering del nuovo palazzetto palasport di Cantù
Il rendering del nuovo palasport di Cantù

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.