Cantù – Niente Kobe Bryant

Basket maschile – Pubblicato il calendario della stagione 2011-2012 dopo il ripescaggio di Venezia. Se la star americana dovesse arrivare a Bologna, non incontrerà la Bennet
A meno di una settimana dal semaforo verde del 90° campionato di serie A, ieri la Lega Basket ha diramato la nuova versione del calendario della stagione 2011-2012, allargato a 17 squadre dopo l’accettazione del ricorso di Venezia.
Rispetto alla versione precedente, sono state aggiunte le date del 7 marzo, 29 aprile, 2 e 6 maggio per un totale di 34 turni. Invariata, come previsto, la prima giornata, che vedrà la Bennet Cantù esordire domenica 9 ottobre sul campo della Vanoli Braga Cremona

, mentre il primo impegno casalingo sarà domenica 16 ottobre all’Ngc Arena contro il Banco di Sardegna Sassari.
Se la stella Nba Kobe Bryant si accorderà nelle prossime ore con la Virtus Bologna, i tifosi canturini non avranno però la possibilità di vederlo esibirsi sul parquet del Pianella, visto che l’asso dei Lakers dovrebbe firmare un contratto solo per le prime dieci partite, mentre la sfida Cantù-Bologna è in calendario all’ultima giornata in programma il 4 dicembre.
Ieri a Bologna, per la presentazione ufficiale del campionato, erano presenti il presidente della Bennet Cantù, Anna Cremascoli, il general manager Bruno Arrigoni e coach Andrea Trinchieri con ancora negli occhi la sconfitta subita al fotofinish sabato a Forlì in occasione della Supercoppa Italiana per mano di Siena. Proprio l’attesa rivincita sui campioni d’Italia è in programma al 9° turno: l’andata nella città del Palio il 4 dicembre, il ritorno a Cucciago il 25 marzo. Una curiosità: Cantù chiuderà il 2011 con un doppio derby: alla 12ª giornata ci sarà Bennet-Milano (andata al Pianella il 27 dicembre) a cui seguirà Varese-Cantù (andata al PalaIgnis il 30 dicembre, ritorno alla Ngc Arena il 22 aprile). I playoff sono in programma dal 17 maggio al 21 giugno; la final eight di Coppa Italia dal 16 al 19 febbraio, mentre l’All Star Game l’11 marzo.
Nell’ambiente canturino c’è fiducia, come testimonia quota 2.600 abbonamenti, che è stata superata ieri.
Intanto, in casa della Bennet, non si è ancora spenta la delusione per la sconfitta subita a Forlì dove per un soffio è svanito il sogno di riconquistare la Supercoppa italiana.
Tra i più amareggiati l’americano David Lighty, che non si dà pace per aver fallito il tiro libero del possibile overtime; ancora ieri, sulla sua pagina di Facebook, il rookie a stelle e strisce ha pubblicamente inviato il suo mea culpa ai tifosi: «A tutti i tifosi di Cantù: siete eccezionali, scusate per l’errore di quel libero. Non capiterà più. Prometto che in campionato batteremo Siena».
Sull’episodio decisivo del match era tornato già nel dopo-gara lo stesso coach Trinchieri, a difesa di Lighty: «Non dobbiamo tirare la croce addosso a lui perché è il giocatore più giovane e meno esperto della squadra, probabilmente non dovevamo affidare a lui l’ultimo pallone. Dobbiamo risolvere questo problema dell’impatto emotivo sulle giocate decisive e diventare più performanti nei momenti caldi, le grandi squadre lo sanno fare. Sabato, invece, quando Siena è riuscita a rientrare l’ultima volta, ci siamo disuniti e ci sono tornate in mente le sconfitte dello scorso anno. Dobbiamo lavorare e crescere sotto questo aspetto».

Andrea Piccinelli

Nella foto:
Kobe Bryant, in trattativa con Bologna

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.