Cantù, nuovo anniversario: 50 anni dal primo scudetto
Sport, Territorio

Cantù, nuovo anniversario: 50 anni dal primo scudetto

I reduci dello scudetto del 1968 e i relatori della conferenza stampa I reduci dello scudetto del 1968 e i relatori della conferenza stampa. Foto Antonio Nassa

Nel giorno di una grande “classica” come Virtus Bologna-Pallacanestro Cantù (stasera alle 20.45 in terra emiliana), la squadra brianzola oggi festeggia un anniversario di assoluto rilievo, i cinquant’anni dal primo scudetto che fu conquistato proprio il 7 di aprile del 1968.
Un 2018 di ricorrenze, visto che pochi giorni fa è stato ricordato il 35° dalla conquista della Coppa dei Campioni vinta nel 1983 a Grenoble contro l’Olimpia Milano.
Ieri, in comune a Cantù, è stato ricordato quel successo, al pari dello scudetto Allievi, pure giunto nel 1968, il primo successo del settore giovanile del club brianzolo.
«Queste affermazioni rappresentano una tradizione e un valore che accompagna i canturini in tutto il mondo» ha detto, introducendo l’incontro, il vicesindaco Matteo Ferrari.

La maglia originale dell’Oransoda campione d’Italia nel 1968

In rappresentanza della squadra campione d’Italia nel 1968 c’erano Alberto De Simone, Alberto Merlati, Carlo Recalcati, Michele Marino, Fabrizio Della Fiori e il diesse Gianni Corsolini. Per i tricolori Allievi erano in municipio Pierluigi Marzorati, Ciro Cofrancesco a Vittorio Beretta. Per la Pallacanestro Cantù di oggi è intervenuto Andrea Mauri, amministratore delegato.
Gianni Corsolini, rispetto a quel 1968, si è soffermato sulla scelta dell’allenatore Borislav Stankovic. «Mi era stato chiesto di trovare un tecnico che potesse far fare un salto di qualità alla squadra e alla società. Fu l’uomo giusto», ha detto.
L’italo-argentino Alberto De Simone, classe 1938, ha sottolineato: «Rimane la gioia di aver dato felicità a Cantù e ai canturini – ha spiegato – Per un mese noi della squadra non abbiamo speso nulla per mangiare: tutti volevano ospitarci. E in questo momento voglio anche ricordare chi ci ha lasciato: è passato tanto tempo e ci sono amici che non possono essere qui con noi a celebrare questa ricorrenza».
Stessa riflessione per Alberto Merlati: «In quei giorni non potevamo camminare per strada, era una festa continua», ha sottolineato.

La foto ufficiale dell'epoca La foto ufficiale dell’epoca

Tra i pensieri quello per Tonino Frigerio, scomparso nel 2014: i suoi compagni hanno ricordato con commozione che in quella stagione sua moglie perse il bambino che stava aspettando.
Carlo Recalcati si è soffermato sulla costruzione della rosa 1967-1968: «Da allenatore devo dire che aveva poca logica, visto che poi in campo venivano schierati tre pivot, il famoso “muro di Cantù”. Ma stavamo bene assieme perché alla base c’erano una squadra, un gruppo, che avevano alla base unione e amicizia. Due componenti decisive per conquistare quel campionato».

Marzorati e Vitali con il foulard comemmorativo

Andrea Mauri ha parlato a nome della Pallacanestro Cantù di oggi e, con l’imprenditore Stefano Vitali, ha presentato un foulard celebrativo di quel trionfo con le firme dei protagonisti.
«Questi trionfi sono motivo di orgoglio e responsabilità – ha sottolineato – Tante cose sono cambiate e la proprietà del club è straniera, ma è necessario mantenere le origini e farne una forza».
Massimo Moscardi

7 aprile 2018

Info Autore

Redazione Corriere di Como

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
 Farmacie di turno 

   Ospedali   

   Trasporti   
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto