Cantù: omaggio a Giorgio Perlasca con il monologo di Albertin
Cultura e spettacoli

Cantù: omaggio a Giorgio Perlasca con il monologo di Albertin

Alessandro Albertin sul palcoscenico Alessandro Albertin sul palcoscenico

La vicenda di Giorgio Perlasca raccontata come una partita di calcio, con i tanti colpi di scena che possono caratterizzare un match. Sia chiaro, con il massimo rispetto per la vicenda del comasco che nella Seconda Guerra Mondiale a Budapest, simulando di essere console generale spagnolo, salvò oltre 5mila ebrei firmando lettere di salvaguardia e sventando l’incendio e lo sterminio del ghetto della capitale ungherese.
È lo spettacolo che viene proposto al Teatro Fumagalli di via S.Giuseppe 9 a Vighizzolo (Cantù) il 31 gennaio alle 21.15. Perlasca, il coraggio di dire no, è un monologo di e con Alessandro Albertin (foto), tra l’altro proposto recentemente con successo anche al Teatro Parenti di Milano (ingresso 36/30 euro). Circostanza curiosa: malgrado numerosi contatti, proposte e brochure mandati a strutture e organizzazioni di Como, nella città dove Perlasca nacque nel 1910 – esattamente in via Ferrari – la rappresentazione non è mai stata messa in cartellone. Cogliendo il valore di questa opera ci hanno pensato, per fortuna, al Teatro Fumagalli, dove lo spettacolo è tra l’altro in calendario a poca distanza dal Giorno della Memoria, che ricorda ogni anno le vittime dell’Olocausto e che cade il 27 gennaio di ogni anno.

Giorgio Perlasca Giorgio Perlasca

Albertin interpreta tutti i personaggi della complessa vicenda di Perlasca a Budapest con grande intensità, raccontando i fatti come in una partita di calcio, dove ad un gol degli avversari corrispondono improvvisi ribaltamenti, colpi di scena, e la conquista di un risultato a sorpresa, quando tutto sembrava perso.
In attesa che lo spettacolo giunga finalmente a Como, l’occasione può essere propizia per scoprire o approfondire quanto fece Perlasca a Budapest e negli anni successivi: la sua storia, infatti, è emersa a fine anni ’80, quando un gruppo di donne che aveva salvato a Budapest decise di andarlo a cercare e lo trovò nella sua casa di Padova, dopo aver cercato a lungo in Spagna Jorge Perlasca (così si faceva chiamare in Ungheria). Poi tanti onori prima della sua scomparsa, a Ferragosto del 1992.
Massimo Moscardi

16 gennaio 2018

Info Autore

Redazione Corriere di Como

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
novembre: 2018
L M M G V S D
« Ott    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto