Cantù pensa solo al campionato. Senza l’Eurocup cambia tutto

alt

Basket – Ad Avellino un bel successo dopo la batosta di Coppa

«La squadra c’è e ad Avellino ha dato un’altra conferma importante, un segnale forte». Già, perché la vittoria conquistata domenica nella tana irpina della Sidigas con grande autorità per 77-59 è di quelle che pesano doppio per l’Acqua Vitasnella Cantù che ha fatto un passo in avanti deciso in chiave playoff.
Ora, infatti, la squadra brianzola non solo ha agganciato al secondo posto l’Enel Brindisi, a due punti dalla capolista solitaria Milano, ma può vantare ben 10 lunghezze di

vantaggio sulla nona in classifica, un margine importante in prospettiva playoff quando mancano 10 giornate alla fine della regular season.
Nello spogliatoio canturino, però, si sorride non solo leggendo la classifica, ma soprattutto per il gioco offerto ad Avellino, come ci tiene a sottolineare l’assistente allenatore Massimiliano Oldoini.
«Domenica abbiamo centrato una vittoria importante che ci permette di rimanere agganciati al secondo posto ma soprattutto è maturata grazie ad una prestazione buona e attenta di tutta la squadra – sostiene – Una gara ben giocata, in trasferta e contro un avversario dato in grande crescita, non caso reduce da tre successi consecutivi».
«Una vittoria che, come quella centrata settimana scorsa con Roma, vale doppio perché ci porta sul 2-0 nei confronti diretti anche con la Sidigas che potrà essere un vantaggio non da poco in ottica playoff», aggiunge.
Alla vigilia della trasferta in Irpinia c’era il rischio che l’eliminazione dall’Eurocup potesse arrecare un contraccolpo psicologico al team canturino che invece ha dato un segnale forte.
«È vero. Tutto l’ambiente, dalla squadra alla società e allo staff, è stato bravo a resettare dopo il mancato passaggio agli ottavi di Eurocup – sostiene ancora Oldoini – La delusione del giorno dopo ha lasciato subito spazio alla voglia di continuare a fare bene e alla grande concentrazione che ci ha permesso di giocare un’ottima partita ad Avellino».
«Sì, la squadra c’è e sta bene: del resto gli ultimi tre successi consecutivi contro ottimi avversari come Roma, Ulm e Avellino lo confermano. Ora, perciò, dobbiamo andare avanti così».
Senza gli impegni di Eurocup, Cantù avrà la possibilità di recuperare energie e acciacchi ma soprattutto concentrarsi con anima e corpo sulla volata finale. «Diciamo che senza gli impegni infrasettimanali di Coppa – dice il vice di coach Sacripanti – avremo più tempo per programmare la settimana di lavoro puntando a inserire anche cose nuove, aggiustare qualcosina sia in attacco che in difesa ma soprattutto concentrarci maggiormente sul lavoro individuale».
Un particolare non da poco: «La crescita del gruppo passa inevitabilmente dal miglioramento dei singoli: ora avremo più tempo a disposizione per curare anche questi aspetti. Ecco perché siamo convinti che ne gioverà tutta la squadra».
All’orizzonte, peraltro, si prospetta un marzo di fuoco, cruciale per lanciare lo sprint in regular season. «È vero – spiega Oldoini – sarà un mese intenso, a cominciare dal derby di domenica al Pianella contro Cremona, per poi continuare con la trasferta sempre insidiosa a Siena, sabato 8, che anticiperà lo scontro diretto casalingo con Brindisi, domenica 16, quindi la delicata sfida a Caserta, il 23, e il derby interno con Varese, sabato 29». Che farà da antipasto alla sfida delle sfide, che, chissà, potrebbe valere anche il primo posto contro la capolista Milano.
Il 6 aprile Cantù sarà impegnata al Forum. «Già – certifica Oldoini – ci attende un bel calendario con tutte sfide toste, gran parte delle quali con formazioni che sono in alto in classifica, ma il segreto sarà di pensare un passo alla volta e partita per partita senza troppe pressioni. Ripeto: la squadra sta bene e soprattutto sta giocando bene, non resta che continuare a lavorare per confermare questa buona classifica e se possibile provare ad alzare l’asticella».

Andrea Piccinelli

Nella foto:
Verso il derby
Domenica a Cucciago arriva la Vanoli Cremona che, nella gara di andata (nella foto), conquistò una clamorosa vittoria

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.