Cantù, polizia locale in festa per il patrono. Tra le priorità, incentivare la sicurezza stradale

celebrazione San Bebastiano protettore della Polizia Locale. In foto la funzione nella chiesa di San paolo a Cantù

Sicurezza stradale tra le priorità degli agenti della polizia locale di Cantù.
Lo scorso anno, gli scontri con feriti sono diminuiti nella Città del Mobile ed è stato inoltre avviato un progetto innovativo in accordo con la prefettura.
Obiettivi e priorità indicati ieri dal comandante Vincenzo Aiello, in occasione della ricorrenza del patrono dei vigili san Sebastiano, celebrata con una messa a San Paolo.
Nell’ottica della sicurezza, il lavoro della polizia locale di Cantù parte dall’educazione stradale. Tra i prossimi obiettivi dei vigili un ulteriore ampliamento dei servizi serali di controllo, fino ad arrivare a sette giorni su sette così da poter monitorare costantemente la realtà urbana specialmente nelle ore notturne. «A Cantù abbiamo registrato un dato importante sulla riduzione del numero di incidenti con feriti passati da 112 a 104. Sul punto, unitamente ai comandi di Como, Mariano ed Erba abbiamo presentato noi come capofila un progetto in prefettura per avere una gestione associata ed unica dell’attività di infortunistica per tutta la provincia, come già avviene per la lettura delle targhe», ha detto il comandante Vincenzo Aiello.
In occasione della ricorrenza del patrono, un agente canturino, l’assistente scelto Marcantonio Ferraris, è stato insignito della Croce al merito regionale. Un riconoscimento prestigioso consegnato al vigile dall’assessore regionale alla Sicurezza Riccardo De Corato. Nell’agosto del 2018, mentre era fuori servizio, l’agente era intervenuto in piazza Garibaldi inseguendo e bloccando un uomo che aveva appena commesso una rapina.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.