Cantù, precampionato esaltante. «Il contropiede marchio di fabbrica»

alt L’ultimo successo contro Milano
Sacripanti e il vice Oldoini stanno forgiando la Vitasnella
(a.p.) «Battere i campioni d’Italia dell’Armani Milano fa sempre piacere, ma da oggi torniamo in palestra a lavorare con grande voglia, entusiasmo e senza troppa euforia perché c’è ancora tanto da fare».
C’è tanto da fare; ha ragione l’assistant coach Massimiliano Oldoini, ma qualcosa di buono la nuova Vitasnella Cantù lo ha già fatto vedere e lo ha confermato anche nell’ultimo fine settimana. A Desio si è tolta lo sfizio di vincere per il secondo anno di fila il Trofeo Lombardia

(il quinto nelle sei edizioni disputate fino ad oggi).
Una vittoria che consacra Cantù regina di questo precampionato con sette successi in altrettanti incontri, ma che acquista ancora più significato proprio perché in finale ha domato a fil di sirena i cugini tricolori dell’Olimpia per 79-78.
«È stata partita vera – ammette Oldoini – tra due squadre che si sono affrontate senza paura, a viso aperto. Vincere ci dà morale, positività e ci fa tornare in palestra con ancora più voglia e conferma che siamo sulla buona strada».
Cosa è piaciuto di più di questa prima parte di preparazione? «Sicuramente la disponibilità dei giocatori, la loro voglia di lavorare e imparare. Siamo una squadra giovane con tanti elementi alla prima volta nel campionato italiano; quindi abbiamo bisogno di imparare tanto e crescere insieme, lavorando giorno dopo giorno. Siamo come un libro aperto ancora da scrivere».
«La cosa che tecnicamente sta funzionando maggiormente è il contropiede – spiega ancora – sappiamo che abbiamo le caratteristiche per correre a tutto campo e quando lo facciamo, come successo contro Milano, si vedono belle cose. Soprattutto abbiamo l’atletismo per farlo; questo deve diventare una nostra arma, un marchio di fabbrica».
Parlando dei singoli, ha già impressionato l’impatto della coppia Odom–Feldeine. «Hanno un pedigree importante ed esperienze internazionali di alto livello – spiega ancora Oldoini – Sono elementi che conoscono il basket così come lo stesso Jones. Una menzione speciale anche per il centro senegalese Mbdoy che ascolta e ha una voglia matta di imparare e crescere con i compagni. Tutti segnali che confermano la bontà di un gruppo completamente nuovo».
Il segreto di questo ottimo avvio di stagione? «Sappiamo che questo è un momento di lavoro e conoscenza: si commettono tanti sbagli, ma la cosa importante è pazientare e concedere questi errori per permettere alla squadra di capire e migliorare senza arrabbiarsi troppo. Questo ci permette di lavorarci sopra e migliorare quotidianamente. Come faremo in settimana per prepararci, speriamo al completo, in vista del torneo di Jesolo dove venerdì giocheremo in semifinale ancora contro Varese».
Un altro derby per continuare sulla strada intrapresa e – perché no – allungare la striscia vincente. «Il risultato di questi tempi non è prioritario ma, si sa, vincere rafforza il gruppo e aiuta a lavorare meglio» conclude il vice coach.
Intanto le buone nuove arrivano anche dalla campagna abbonamenti: sono 2.300 i tifosi che hanno deciso di confermare il proprio posto nel periodo di prelazione che si è chiuso sabato. A partire da mercoledì 24 settembre, fino al 27, gli abbonati della stagione 2013-2014 potranno cambiare il proprio posto; dal giorno 29 la vendita sarà aperta a tutti i sostenitori.

Nella foto:
Tifosi al Pianella: finora gli abbonati sono 2.300

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.