Cantù pronta per il Forum: «Coppa Italia, grande occasione»

altIl coach parla alla vigilia della gara con Reggio Emilia
«Andiamo al Forum di Assago per giocare con gioia e determinazione questa Coppa Italia perché per noi è una grande occasione e ci crediamo».
Stefano Sacripanti è pronto a partire alla testa della sua Cantù per le Final Eight 2014 di Coppa Italia che da domani e fino a domenica si giocheranno a Milano e metteranno in palio l’unico trofeo che ancora manca nella bacheca del club brianzolo.
«Da tifoso dico che sarebbe un sogno poter vincere questa coppa, perché ci permetterebbe di

entrare nella storia e completare il palmares di allori – spiega il coach – Un pensiero che avevo fatto già quando giocai nel 2003 con Cantù la finalissima contro Treviso, che dominammo per tre quarti, prima di arrenderci nel finale dopo l’infortunio che mise ko Bootsy Thornton».
Il primo ostacolo nei quarti di finale, in programma domani alle ore 18, vedrà l’Acqua VitaSnella sfidare la Grissin Bon Reggio Emilia dei tanti ex Andrea Cinciarini, Rimantas Kaukenas e Greg Brunner: «Un avversario ostico, che ha giocatori esperti e di talento come Bell, White e lo stesso Kaukenas che conosciamo tutti molto bene – aggiunge il coach – ma anche un play atipico che mi piace tantissimo come Cinciarini, che però sarà assente per infortunio, e lunghi che si completano, come Cervi e Brunner. Una formazione allenata sapientemente da Massimiliano Menetti e dall’amico Flavio Fioretti, che è comunque in salute».
Un team che Cantù ha già battuto nel match d’andata in campionato (73-65) e che si presenta a Milano con grandi ambizioni. Ma il coach non pensa troppo al passato. «Domani dovremo essere bravi ad aver ben chiaro il nostro piano partita e cosa fare, perché Reggio Emilia ha giocatori che possono accendersi e infiammare la gara: noi dovremo riuscire a spegnerli».
Ma come si presenta Cantù a questo appuntamento di prestigio, visto che è reduce da due sconfitte amare in Eurocup e in campionato? «Diciamo che ci arriviamo in un momento strano che ci ha visto soffrire qualche acciacco fisico, allenatore compreso. Mi scoccia molto dover fare a meno di Abass, infortunato, perché era in un ottimo periodo, ma contiamo molto sul rientro di Cusin che ci deve dare energia e presenza sotto le plance. Puntiamo molto sulla voglia di giocare questa competizione che ci siamo guadagnati sul campo: era un obiettivo stagionale e, ora che ci siamo, voglio che la squadra lo giochi con gioia e determinazione».
Si è detto però che dopo la sconfitta di Pesaro nello spogliatoio si respirava grande scoramento. «A questa squadra non si può rimproverare nulla perché sta facendo una grande stagione e soprattutto tiene tantissimo ad ogni competizione. Domenica ho visto molta tristezza e tante teste basse: un segno di quanto questi ragazzi ci tengano, al punto di responsabilizzarsi troppo delle sconfitte che sono arrivate nei minuti finali. Qui, sia chiaro, non c’è nessun colpevole: è che nell’arco di una stagione capitano momenti così in cui si fa più fatica. Quello che ho chiesto alla squadra è quindi di scendere in campo domani contro Reggio Emilia con tranquillità, senza portarsi dietro il pensiero delle ultime sconfitte ma con la determinazione per vincere questa prima partita che è già una finale».
Sacripanti ci crede anche quando prova a leggere in anticipo questa Final Eight 2014. «Vedo tutte partite aperte già nei quarti. Milano sta giocando bene, sta asfaltando tutte le avversarie e parte favorita, ma questo evento rispecchia l’equilibrio del campionato. Sono convinto che tutte le otto partecipanti possono arrivare in fondo e alzare il trofeo, Cantù compresa: anche noi possiamo vincere la Coppa. Io ci credo».

Andrea Piccinelli

Nella foto:
Domani ad Assago
La VitaSnella Cantù affronta alle 18 Reggio Emilia. Chi vincerà questa partita incontrerà in semifinale, sabato alle 20.30, la formazione che avrà superato il turno, fra Emporio Armani Milano e Banco di Sardegna Sassari

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.