Cantù senza tregua: domani anticipo a Sassari

Basket maschile – Subito in campo
Dopo la vittoria con il Kaunas i brianzoli si rituffano in campionato
«Una vittoria così ne vale 100, ma ora pensiamo solo a Sassari e non al Maccabi». Travolta dalla felicità e festeggiata sotto la curva dai tifosi al termine del primo strepitoso successo nelle Top 16 di Eurolega messo a segno dalla sua Bennet Cantù, la first lady Anna Cremascoli vuole rimanere con i piedi ben ancorati per terra e concentrarsi sul prossimo impegno di campionato.
Già, perché domani la Bennet sarà già in campo per l’anticipo del 18° turno (ore 16.10) ospite sull’insidioso
parquet del Banco Sardegna Sassari. «La vittoria incredibile di giovedì contro lo Zalgirs Kaunas – aggiunge Cremascoli – ha confermato la nostra forza ed è stata importante per le nostre Top 16 ma soprattutto per il cammino che vogliamo fare in campionato. Nel momento più difficile la squadra ha saputo reagire, e trascinata dal solito immenso pubblico, ha dimostrato di essere più forte di tutto e di tutti conquistando una vittoria molto pesante».
Un successo speciale, quello con il Kaunas, anche per coach Andrea Trinchieri che, apparso stremato a fine gara, il giorno dopo ha voluto rileggere la sfida di giovedì con un occhio già proettato al futuro. «È stata una serata indimenticabile perché vittorie così ti danno tanto e ti lasciano qualcosa dentro», dice.
Una partita che dà un senso a queste Top 16 della Bennet come aveva chiesto il tecnico alla vigilia: ora infatti Cantù può preparare l’assalto al Maccabi giovedì prossimo con altre prospettive. «Certamente, perché non sognare e non provarci? La vittoria contro lo Zalgiris ha cambiato la situazione del nostro girone e dico che ora noi dobbiamo fare la corsa sul Barcellona – spiega ancora Andrea Trinchieri – È vero ci ha battuto ma dovrà venire in casa nostra e provare a difendere il +5 dell’andata. Saranno forse discorsi da Bar Sport ma perché non provarci?».
Anche perché coach Trinchieri ha nella manica un manipolo di assi a cui anche giovedì si è affidato nel finale di gara. Tra i suoi uomini simbolo che lo hanno ripagato ancora una volta l’mvp è stato Gianluca Basile con 15 punti, 23 di valutazione (la migliore in assoluto), il 100% ai liberi, 6 assist e alcune immancabili triple impossibili, una addirittura da oltre 8 metri.
Il modo migliore per festeggiare i suoi 37 anni appena compiuti: emblema dell’eterna giovinezza di una generazione sportiva solida, di cui fanno parte i Del Piero e i Zanetti nel calcio, ma anche i pari età Mazzarino e Marconato nella stessa Bennet
«Diciamo che la mia è proprio una buona annata – dice il numero 55 della formazione brianzola – Scherzi a parte, non c’è nessun segreto: tutto parte dalla testa. Ci vogliono passione e la costanza di allenarsi bene sempre. E a Cantù ci sono l’ambiente ideale e la serenità per farlo tutti i giorni».

Andrea Piccinelli

Nella foto:
La squadra canturina saluta i suoi tifosi dopo la vittoria di Eurolega con il Kaunas

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.