Cantù, si presenta partoriente in ospedale, ma il punto nascita è chiuso da anni, bimba vede la luce al Pronto Soccorso

L'ospedale Sant'Antonio Abate di Cantù

Insolito lieto evento questa mattina al Pronto Soccorso dell’ospedale Sant’Antonio Abate di Cantù.

Attorno alle 9 si è presentata al Triage del reparto di Emergenza una donna di 28 anni, residente a Torino, in stato di gravidanza e decisamente “pronta” per partorire.

Il personale di Pronto Soccorso di Cantù – nell’ospedale brianzolo è stato chiuso il Punto nascite ormai da diversi anni. Evidentemente la giovane donna di Torino non poteva però essere al corrente della riorganizzazione – Il personale si è immediatamente attivato per assisterla insieme a una ginecologa e un’ostetrica in servizio nel presidio per le attività ambulatoriali e a un pediatra.

Alle 9.39 è nata una bambina di 2 chili e 600 grammi. La piccola è stata trasportata in termoculla all’ospedale Sant’Anna dall’équipe di Terapia Intesiva Neonatale-Neonatologia della struttura di San Fermo della Battaglia, dove successivamente è stata trasferita anche la donna. La mamma e la bimba stanno bene.

“La nostra organizzazione ha funzionato al meglio – sottolinea il direttore generale di Asst Lariana Fabio Banfi -. Mi complimento con tutti i nostri operatori per l’ottimale gestione dell’evento e per la tempestiva presa in carico della mamma e della bimba”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.