Cronaca, Territorio, Trasporti e viabilità

Caos sulla Regina, il sindaco di Tremezzina attacca sui social gli «imprecatori da Facebook»

Il sindaco di Tremezzina, Mauro Guerra
Il sindaco di Tremezzina, Mauro Guerra

Un chilometrico post su Facebook per rispondere a critiche ritenute ingiuste. Un «papiro», necessario, anche se troppo lungo per un social network. Qualcosa in più di uno sfogo, che «non avrà certamente i like che si raccolgono con un semplice urlo di indignazione e/o di accusa» ma che almeno tenta di fare chiarezza.

Mentre sulla Regina (e online) erano ancora vivi gli echi delle incazzature degli automobilisti rimasti in coda per ore, il sindaco di Tremezzina, Mauro Guerra, si è messo al computer per rispondere ai «diversi “risolutori di problemi da tastiera” e “imprecatori da Facebook”» che lo accusavano direttamente di disinteressarsi del problema.

«Ora, francamente, basta – ha scritto Guerra – Mentre loro scrivevano io, da giorni, ho attivato i contatti e disposto i finanziamenti per far ripartire il servizio dei movieri».

Al di là del comprensibile sfogo, il sindaco del Comune rivierasco ha analizzato con una certa lucidità le questioni e offerto anche una possibile, nuova, proposta di soluzione.

Dopo aver «informato» i suoi interlocutori che «i nostri vigili non sono dotati di strumenti di dematerializzazione e teletrasporto per spostare i mezzi che bloccano la Regina», Guerra ha ricordato che «la strada è quella che è. Del tutto inadeguata a sopportare gli attuali volumi di traffico. Per questo da anni mi batto, anche contro resistenze locali, per la realizzazione della variante della Tremezzina. Per questo va assolutamente rispettato il cronoprogramma fissato con il ministro Graziano Delrio che prevede l’emissione del bando di gara per l’affidamento dei lavori entro il 31 dicembre 2018. E conto, su questo, sulla vigilanza e l’impegno degli attuali parlamentari comaschi, al di là delle appartenenze politiche».
Il cantiere della variante, ha scritto il sindaco di Tremezzina, «va aperto entro la fine del 2019».

Detto ciò, ha aggiunto Guerra, «la crescita dei volumi di traffico degli ultimi tempi, e in particolare quest’anno» impone interventi immediati. «Anche grazie ai dati che ci vengono dai nuovi sistemi di monitoraggio che abbiamo realizzato in questi anni, stiamo lavorando ad una proposta da portare al tavolo in Prefettura con l’Anas per chiedere una nuova regolazione di traffico pesante e pullman turistici che sposti lo stesso il più possibile sulla fascia notturna e dia maggiore forza alle percorrenze a senso unico e al governo dei flussi turistici».

È giusto «tutelare il sistema economico del nostro territorio – conclude quindi Mauro Guerra – ma siamo oggi a un punto in cui il peggio che possa capitare alle nostre attività è ciò che accade ormai ogni giorno: blocchi di ore che sono ritardi e disagi per tutti i cittadini ma che, al contempo, sono costi sempre maggiori proprio per le attività economiche».

6 ottobre 2018

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
novembre: 2018
L M M G V S D
« Ott    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto