Cappelletti torna al tango

alt

Personaggi – Nel Milanese nuovo tour in trio con la vocalist Annamaria Musajo e il fisarmonicista Fausto Beccalossi

Torna al grande amore di sempre, il tango, il pianista e compositore comasco Arrigo Cappelletti (nella foto, durante un concerto sul Lario), stella internazionale del jazz, originario di Brunate e oggi docente di Jazz presso il Conservatorio di Venezia.
Sabato prossimo, 1° febbraio, a partire dalle 21, si esibirà nel concerto “Tra tango e tango” nel locale di Buccinasco “Jazz Club Milano”, in via Gustavo Modena 15, frazione Romano Banco (info sul sito Internet del locale all’indirizzo

www.jazzclubmilano.net).
Questo spettacolo proporrà un viaggio attraverso le diverse anime del tango, ossia quella più codificata e legata alla tradizione e al ballo quale appare in tanghi famosi come “Volver”, “Como dos extranos”, “Los mareados”, “Malena”, e quella polifonica e innovativa legata al nome di Astor Piazzolla; Cappelletti farà da perno, in chiave europea, tra le due anime del tango e nell’alveo della grande tradizione jazzistica.
Arrigo infatti da anni persegue una sua personalissima sintesi fra tango e jazz scrivendo songs su testi in lingua portoghese e francese. A Buccinasco i suoi lavori saranno interpretati da Annamaria Musajo e accompagnati da Fausto Beccalossi, rispettivamente cantante e fisarmonicista. Entrambi condividono e frequentano, come Cappelletti, gli ambiti del tango e del jazz da diversi anni. Anche alcune songs jazzistiche e di cantautori italiani e francesi verranno recuperate in questa ottica insieme agli standards di Thelonious Monk e Bill Evans, rivisitati e reinterpretati.
«Queste musiche segnano il mio ritorno al tango jazz dopo più di vent’anni – commenta Arrigo Cappelletti – Infatti, nell’ormai lontano 1990, sono stato fra i primi a introdurre il tango jazz in Italia con il mio gruppo “New Latin Ensemble” e il cd Pianure che uscì su etichetta Splasch».
Il prossimo 26 febbraio, inoltre, Arrigo Cappelletti è stato invitato dal direttore dell’Istituto Italiano di cultura di Addis Abeba Alessandro Ruggera, grande appassionato di jazz, per un recital solistico nel teatro dell’Istituto e un workshop con musicisti etiopi.
«Sono emozionato – commenta il jazzista brunatese – perché tornerò là dove mio padre Fulvio, architetto, ha combattuto nel periodo 35-36».
Il 20 febbraio, il trio “tanguero” di Cappelletti replicherà al Memo Music Restaurant di Milano e, il 21 febbraio, sarà al Centro Culturale Sergio Valmaggi in via Dei Partigiani 84 a Sesto San Giovanni.
Da ricordare infine che Cappelletti l’anno scorso ha inciso un album su nastro, con tecnologia analogica, per l’etichetta italiana Hemiolia Records. Si tratta di un omaggio a Thelonious Monk che, con Paul Bley, è il suo autore di riferimento.

Lorenzo Morandotti

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.