Cappellini e Lanotte terminano sesti ai Giochi di Sochi

alt

Ieri la seconda e ultima prova della gara di danza

Doveva essere uno scontro tra giganti e così è stato. Sochi ha riservato agli appassionati una straordinaria gara di danza su ghiaccio confermando tutte le previsioni della vigilia che pronosticavano gli statunitensi Meryl Davis e Charlie White ed i canadesi Tessa Virtue e Scott Moir, unici protagonisti di una appassionante ed entusiasmante sfida tesa ad aggiudicarsi l’oro olimpico, appannaggio, alla fine, della coppia Usa, che si è imposta in entrambi i segmenti di gara.
Una competizione

che ha offerto, almeno per quanto riguarda le coppie di vertice, quadri di pura perfezione in cui tecnica e velocità, connubio difficilissimo in questa disciplina, hanno portato ad infrangere record personali ed assoluti per quanto riguarda il punteggio, impresa realizzata dagli statunitensi nel corso sia della short che nella free dance.
In questo scomodo ed impegnativo contesto, il sesto posto finale ottenuto da Anna Cappellini e Luca Lanotte costituisce un risultato positivo in linea con la prestazione offerta ai recenti Europei di Budapest (relativamente al punteggio complessivo) e nettamente migliore della dodicesima posizione conquistata a Vancouver in occasione dei Giochi invernali del 2010.
Le aspettative della vigilia che vedevano la coppia azzurra in lizza per la medaglia di bronzo si sono ben presto dissolte già fin dalla “short dance”, di fronte alle prestazioni dei francesi Nathalie Pechalat-Fabian Bourzat e dei russi Ekaterina Bobrova-Dmitri Soloviev ed Elena Ilinykh/ Nikita Katsalapov. Questi ultimi, secondi a Budapest alle spalle di Anna e Luca, sono stati proiettati verso il bronzo da una giuria apparsa forse un po’ troppo generosa.
Con un punteggio totale di 169,50 punti Anna e Luca si sono espressi, come detto, al livello di Budapest (171,61 punti) anche se la loro prestazione, in particolar modo quella di danza libera, è sembrata in questa occasione degna di una maggior considerazione: l”Ouverture” del Barbiere di Siviglia di Rossini ha ancora una volta sottolineato le strepitose capacità interpretative di questa coppia.
Scende a questo punto il sipario sulla danza olimpica: appuntamento a Saitama, in Giappone, a fine marzo, per eventuali rivincite e per chi sarà ancora in condizione.

Nella foto:
Anna Cappellini e Luca Lanotte hanno chiuso sesti nella gara di danza alle Olimpiadi di Sochi

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.