“Caramelloni” abbandonati. Il Comune non ha ancora deciso quando rimuoverli

Caramellone Como

I due “caramelloni” cittadini marciscono nell’indifferenza totale. A partire da quella del Comune di Como, sollecitato ormai da mesi sul problema e totalmente inerme dopo aver promesso un rapido intervento.
Correva il mese di agosto quando gli uffici competenti dell’assessore alla Cultura Carola Gentilini venivano informati dello stato di abbandono e degrado dei due totem che negli anni passati servivano per informare o pubblicizzare eventi cittadini, ma nulla è cambiato e oggi, complice anche la pioggia battente, i due manufatti sono sempre lì in “bella” mostra ai giardini a lago e in piazzale San Rocco.
In quest’ultimo caso è anche stato spostato dalla sua collocazione originale e messo in un angolo per consentire le operazioni di realizzazione della rotatoria provvisoria proprio a San Rocco.
Certamente la rimozione di queste due installazioni o il loro restauro non è uno di quei problemi vitali per una città indaffarata nel dare risposte a problematiche di ben più lunga data, ma nei mesi scorsi sembrava che qualcosa si fosse mosso. L’assessore alla Cultura Carola Gentilini, sollecitata dal Corriere di Como ad agosto, si era infatti impegnata a dare una risposta in breve tempo – un mese al massimo – senza però rispettare la scadenza. In un secondo tempo si era poi deciso di far valutare l’impegno economico e quindi la convenienza di un eventuale restauro prima di valutare magari di rimuovere i caramelloni. Poco dopo, infine, era arrivata la decisione di toglierli dalla loro collocazione. Ma da allora però nulla e cambiato e a un mese dalla decisione, i due manufatti sono ancora al loro posto. E anche ieri non è stato possibile rintracciare l’assessore per conoscere quando avverrà la rimozione.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.