Cronaca

Carate Urio e Argegno, partono i due attesi cantieri lungo la statale Regina

Il luogo in cui si è staccata la frana ad Argegno Il luogo in cui si è staccata la frana ad Argegno

Alla fine macchine e uomini hanno iniziato a lavorare nei due, attesi cantieri lungo la statale Regina. Questa mattina sono partiti gli interventi previsti a Carate Urio dove si lavora all’altezza dello svincolo di via Santa Marta. Le operazioni, in un primo momento previste per lo scorso lunedì sono invece scattati stamattina. «Tutto procede regolarmente – ha spiegato il sindaco di Carate Urio, Daniele Aquilini – Speriamo che il meteo non rallenti le operazioni. In ogni caso entro breve, dopo le prime opere, faremo una valutazione complessiva per capire entro quanto si chiuderà l’intervento». Il fronte decisamente più caldo è invece quello di Argegno, dove ormai dallo scorso settembre, mese in cui si staccò una frana di modeste dimensioni, si attende l’avvio del cantiere necessario a ripristinare la regolare circolazione sulla Regina, oggi controllata da un semaforo intelligente. «La ditta mi ha informato della partenza dei lavori – spiega il sindaco di Argegno, Roberto De Angeli – Già questa sera verranno eseguiti alcuni piccoli interventi propedeutici all’utilizzo decisivo delle macchine che scatterà domani».

7 maggio 2018

Info Autore

Fabrizio

Fabrizio Barabesi fbarabesi@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
novembre: 2018
L M M G V S D
« Ott    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto