Carioni: «Tornare presto alle urne»

IL DIBATTITO SULL’ABOLIZIONE DELLE PROVINCE
(a.cam.) Tornare al più presto alle urne per eleggere i rappresentanti dell’amministrazione provinciale di Como. A chiederlo, ieri, all’indomani della bocciatura della Consulta dell’abolizione delle Province, è stato il commissario di Villa Saporiti Leonardo Carioni, già presidente dell’ente di via Borgovico poi cancellato dal governo Monti. «Quando arrivano i commissari si va sempre contro la democrazia – ha detto Carioni in una conferenza stampa dell’Unione delle Province Lombarde – Sono stato nominato direttamente dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, ma il popolo deve tornare a votare in tempi rapidi». Secondo la Consulta, il provvedimento approvato da Monti, che riduceva da 86 a 51 le Province, è incostituzionale. Como, secondo quella normativa, sarebbe stata accorpata a Varese e a Lecco. «La riforma – ha attaccato Bruno Dapei, coordinatore nazionale dei presidenti di Consiglio delle Province – non è stata bocciata per un codicillo dello Statuto Albertino ma per una norma inserita in Costituzione nel 2001 dagli stessi che ora vogliono abolire le Province».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.