Caserma De Cristoforis, novità in vista. Il Comune incontrerà il Demanio

Caserma de Cristoforis

Caserma De Cristoforis, qualcosa sembra muoversi. Il progetto di insediare negli spazi un tempo occupati esclusivamente dai militari, una cittadella dei servizi, potrebbe infatti riservare qualche novità già nelle prossime ore. «Intenzione del Comune è ottenere un incontro a breve, già nei prossimi giorni, con l’Agenzia del Demanio per spingere sul piano che dovrebbe portare alla creazione di un polo di uffici pubblici, un luogo dove riunire diverse funzioni. Ci stiamo lavorando, in passato abbiamo già affrontato il tema che è, come detto, in mano all’Agenzia del Demanio», spiega l’assessore Vincenzo Bella. Dalla seconda metà del 2017 infatti si discute con insistenza di un piano – firmato Agenzia del Demanio – per far rinascere la De Cristoforis. L’idea, come detto, è proprio quella di trasferire in caserma gli uffici di alcuni enti oggi ospitati in immobili di proprietà privata. E così l’operazione sarebbe finalizzata a incardinare nella caserma le sedi di Agenzia delle entrate (oggi in viale Cavallotti), Prefettura (in via Volta, all’interno di locali di proprietà della Provincia di Como), Archivio di stato (via Briantea) e Direzione del lavoro (via Bellinzona), per citarne alcuni. «Con l’Agenzia del Demanio regionale vogliamo valutare alcune ipotesi progettuali e proprio per questo, dopo alcuni mesi di silenzio, abbiamo riporta l’attenzione su un tema così delicato». Si tratterebbe di un progetto molto ampio e costoso – si parla di un investimento iniziale di 25 milioni di euro – che avrebbe bisogno di un’attenta analisi «per definire anche tutti gli aspetti legati alla viabilità e ai parcheggi, dal momento che nel nuovo polo lavoreranno molte persone e diventerebbe meta di diversi cittadini. Anche con Asf andranno ridefinite, in un ipotetico futuro, le corse dei bus per rendere agevole alle persone arrivare alla cittadella dei servizi con i mezzi pubblici», chiude l’assessore Vincenzo Bella. Bisognerà dunque attendere i prossimi giorni per capire il futuro della caserma.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.