Casinò di Campione: trattativa per scongiurare i licenziamenti

Una veduta del casinò di Campione d'Italia

Trattativa serrata tra sindacati e vertici di Comune e Casa da gioco di Campione d’Italia per provare a scongiurare il piano di licenziamento di 156 dei 492 dipendenti del Casinò, deliberato dall’assemblea dei soci. Questa mattina nell’enclave si è svolto un primo confronto tra le organizzazioni sindacali, il sindaco Roberto Salmoiraghi e l’amministratore unico della casa da gioco Marco Ambrosini. È già stato fissato un nuovo appuntamento per il prossimo 21 febbraio, mercoledì. Scongiurare gli esuberi sembra almeno sulla carta un obiettivo condiviso.
I rappresentanti sindacali hanno chiesto lo stop della procedura di mobilità, che al momento resta aperta, anche se si tornerà a discuterne già la prossima settimana.

I rappresentanti sindacali hanno chiesto lo stop della procedura di mobilità, che al momento resta aperta, anche se si tornerà a discuterne già la prossima settimana. Nell’incontro fissato per il 21, i vertici della casa da gioco dovrebbero anche presentare un piano industriale.
«Abbiamo apprezzato che il sindaco abbia convocato le parti e riaperto il dialogo – sottolinea Giovanni Fagone, sindacalista della Cgil – L’argomento Campione deve essere affrontato nel suo complesso, casa da gioco e Comune. Non si può chiedere un sacrificio solo al Casinò, che negli ultimi cinque anni ha dato molto. La condizione che noi poniamo è il superamento della procedura di mobilità e la riproporremo alla prossima riunione».
I rappresentanti sindacali contestano anche la decisione di chiudere il ristorante.
«Tutti siamo per un passo avanti per la risoluzione del problema e per arrivare a trovare una soluzione che permetta di scongiurare l’ipotesi di fallimento prospettata dalla Procura lariana – aggiunge Fagone – Questo deve avvenire con tutto il sistema Campione d’Italia. Abbiamo chiesto soluzioni nel breve, medio e lungo periodo per rilanciare la casa da gioco».
Il sindaco Roberto Salmoiraghi ha inoltre confermato che l’obiettivo condiviso è «scongiurare i licenziamenti».
«Si tratta di una situazione molto delicata – ha detto il sindaco – Ma nel primo incontro nessuno ha fatto barricate. Anche tra i sindacalisti si è dimostrato un grande buonsenso». «Certo, l’obiettivo di tutti è scongiurare i 156 esuberi – ha aggiunto il sindaco – Tra pochi giorni avremo un nuovo incontro proprio sui numeri. Credo però che l’inizio sia stato positivo. Come si dice di solito, che bene inizia è a metà dell’opera. L’importate è che non vi siano delle pregiudiziali, ma tanto buonsenso».
«Dobbiamo trovare 18milioni di franchi da dare al Comune, l’anno prossimo la cifra scenderà grazie ai tagli che faremo in Comune», ha concluso.
A. Cam.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.