Casinò, congelata la tredicesima: dai sindacati una proposta unitaria
Cronaca, Economia, Territorio

Casinò, congelata la tredicesima: dai sindacati una proposta unitaria

Congelamento della parte di tredicesima non ancora pagata e attesa per la convocazione in Regione da parte dell’Agenzia lombarda che si occupa di crisi aziendali. Sono queste le due novità più importanti sul fronte del Casinò di Campione che si registrano nel fine settimana. Novità che si uniscono alla prima riunione di tutte le sigle sindacali andata in scena venerdì pomeriggio e chiusa con un obiettivo condiviso: lavorare a una proposta unitaria da presentare al nuovo tavolo della trattativa.

Ieri sono partiti i 30 giorni entro i quali la Regione dovrà convocare le parti. In realtà, è probabile che la mail che fissa la prima riunione possa essere spedita già la prossima settimana. Anche per questo i sindacati stanno tentando di trovare un’intesa sulla proposta da fare alla direzione della casa da gioco. Le ipotesi non sono in verità molte. Quella su cui tutti sono d’accordo è sfruttare quanto più possibile gli “scivoli”messi a disposizione dalla legge Fornero.

L’azienda ha fatto sapere che nei prossimi due trienni sarebbero almeno una cinquantina le persone potenzialmente interessate ai prepensionamenti. Lo scoglio, non da poco, è costituito dalla risorse che la stessa azienda potrebbe mettere a disposizione per le buonuscite. Soldi non ce ne sono, quindi l’operazione non si presenta tra le più facili. Ciò che tutte le sigle sindacali tendono a escludere è un’ulteriore riduzione di stipendi e contratti, anche perché il rischio che si corre è di “svuotare” il paese.

Vivere a Campione con un salario “italiano” è sostanzialmente impossibile. Un nuovo taglio degli stipendi – si era parlato di una cifra attorno al 25% – non sarebbe sopportabile. In attesa della riapertura del tavolo della trattativa a Milano, la direzione del Casinò ha intanto comunicato ai sindacati il congelamento del 50% della tredicesima 2017. Una misura chiesta, a quanto pare, dal giudice fallimentare per dare l’ok al concordato ed evitare così il crac del Casinò. Eventualità sicuramente giudicata molto più sfavorevole e da evitare in ogni modo.

8 aprile 2018

Info Autore

Redazione Corriere di Como

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
 Farmacie di turno 

   Ospedali   

   Trasporti   
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto