Casinò di Campione, c’è un’offerta francese

Casinò di Campione

Casinò di Campione, c’è sul tavolo un’offerta francese. A un anno dalla chiusura della casa da gioco dell’enclave, con una comunità ormai in ginocchio e centinaia di ex dipendenti finiti sotto la soglia di sopravvivenza, arriva adesso in paese una proposta di rilancio targata Propriétés & Co (HPA Holding), depositata e protocollata lo scorso 13 giugno in Comune dall’avvocato comasco Paolo Gatto (dello studio Gatto&Partners) e indirizzata al commissario governativo Maurizio Bruschi che, ormai da alcuni giorni, concluso il suo mandato, è tornato a Roma dove, proprio ieri, avrebbe consegnato al ministero la relazione nella quale tratteggia le possibili soluzioni per uscire dalla crisi.
Bisognerà capire se sul piatto è stata messa anche questa offerta, che però ha la durata di 30 giorni. Ed è dunque prossima alla scadenza.
In ogni caso ecco i dettagli del piano: innanzitutto va specificato come Propriétés & Co (HPA Holding) sia un gruppo imprenditoriale specializzato nello sviluppo di destinazioni turistiche, pronto a operare – come si legge nel progetto consegnato – per un’immediata «riapertura del Casinò di Campione, con l’obiettivo di portarlo a essere la prima casa da gioco europea in 8 anni».
Il gruppo punterebbe ad ottenere una concessione della gestione del Casinò per 20 anni, così da poter effettuare gli investimenti necessari «per il rilancio della casa da gioco e per il raggiungimento degli obiettivi in 8 anni. Per iniziare si punta ad aprire il Casinò immediatamente per un periodo di transizione di un anno e preparare così al meglio il rilancio».
Nella lettera di intenti depositata in Comune è stato allegato anche il conto economico, con l’evidenza di 6 milioni di fondi e una fideiussione da 30 milioni di euro.
Insieme alla casa da gioco – per cui si prevede la creazione di 250 posti di lavoro con priorità per i residenti – si punta a realizzare un hotel a 5 stelle, una Spa, una fondazione d’arte contemporanea, negozi, abitazioni e uffici (centro commerciale, centro di domiciliazione d’impresa).
E sarebbe già stato scelto anche il nome del nuovo direttore del casinò, ovvero Eric Perrin, direttore di Annecy Casinò, struttura con la quale si vorrebbe creare una partnership per sviluppare nuovi progetti.
L’ingresso del paese, dove l’intera comunità ormai vive una pesante crisi sociale
Il Casinò di Campione d’Italia, chiuso ormai da quasi un anno dopo la dichiarazione di fallimento da parte del Tribunale di Como

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.