Caso Genovese: Leali, voleva creare Sentimentolandia

"Alberto voleva spostare le feste su un'altra terrazza"

(ANSA) – MILANO, 04 FEB – "Prima dell’arresto Alberto aveva in programma di creare un nuovo spazio dove fare feste, lo aveva chiamato ‘Sentimentolandia’". A parlare è Daniele Leali, l’amico e presunto braccio destro di Alberto Genovese, l’imprenditore digitale arrestato con l’accusa di aver violentato una 18enne durante una festa nel proprio attico in centro a Milano, l’ormai nota "Terrazza Sentimento". "So che aveva già comprato uno spazio nello stesso palazzo in piazza Santa Maria Beltrade 1 ma in un’altra scala – racconta Leali all’ANSA – L’idea nasceva dall’esigenza di evitare altre feste in casa propria ma aveva intenzione di chiedere la licenza e trasformarlo in un posto da affittare anche per eventi. Il nomignolo lo aveva trovato lui ma non c’era ancora qualcosa di concreto". Leali, che risulta indagato per spaccio nel filone dell’inchiesta relativa alla droga che c’era alle feste di Genovese, continua a sostenere la propria innocenza e dichiara di attendere con ansia il momento in cui potrà raccontare ai pm cosa sa di tutta la vicenda. (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.